Utente 195XXX
Buonasera, in seguito ad una anestesia che non ha funzionato per effettuare la devitalizzazione di un molare inferiore, il mio dentista mi ha fatto fare una terapia di giorni 5 con l'antibiotico augmentin dicendomi che così si sarebbe ridotta l'infiammazione e la volta successiva l'anestesia avrebbe apportato l'effetto desiderato. Oggi sono riandato per effettuare la devitalizzazione ma il dente è sempre molto sensibile, così che il medico ha deciso di forare la precedente otturazione fino ad arrivare alla dentina originale e mettere una pasta con anestetico che dice dovrebbe cominciare anche a devitalizzare un po il dente cosi che lunedì potrà finalmente fare effetto l'anestesia ed effettuare la terapia canalare completa.
Ora leggendo un po di recensioni sul web mi sto un po preoccupando perchè c'è chi scrive che questo tipo di terapia potrebbe essere molto dolorosa e perfino potenzialmente cancerogena. Potreste dirmi se è vero e voi avreste proceduto allo stesso modo oppure si poteva intervenire diversamente? Questo materiale ogni tanto se ne stacca un pezzo e mangiando mi è capitato di ingerirlo, è innocuo? Grazie in anticipo per il tempo che mi vorrete dedicare e vorrei solamente aggiungere che sono 15 anni che questo dentista mi segue e fino ad ora non ho mai avuto nessun problema ma credo che un secondo parere sia giusto chiederlo. Buonasera
[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Se è stata utilizzata una pasta arsenicale per necrotizzare chimicamente il tessuto pulpare effettivamente si tratta di una medicazione potenzialmente pericolosa, soprattutto se dovesse fuoriuscire dalla camera pulpare.
Esistono tuttavia anche medicazioni in cui il principio attivo è proprio un anestetico.
Noi non possiamo sapere cosa è stato usato nel suo caso.
Deve chiederlo al dentista che sta effettuando la devitalizzazione.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la celere risposta. Per il momento l'unica cosa che posso dirle è che è bianca, un po amara se ci passo la lingua sopra e che è abbastanza "friabile". Potrebbe gentilmente spiegarmi cosa intende per potenzialmente pericolosa? Devo starci attento io a non toccarla (anche se avendola in bocca è un po impossibile) oppure potrebbe comunque provocarmi qualcosa di sgradevole? Da cosa mi potrei accorgere se qualcosa va storto? Grazie