Utente 818XXX
Cari Dottori,
Sono un ragazzo di 23 anni e soffro di candida estesa al cavo orale (gola e lingua) e sul glande(....inoltre sto soffrendo di disturbi intestinali da circa 15 giorni).
Vi spiego la situazione: Io ho abitato in un paese del nord europa sino a poco fa' e in aprile ho avuto un rapporto sessuale con una ragazza nel quale il preservativo si e' rotto.
Nel mese successivo ho sostenuto molti esami universitari (7 in 2 settimane) e ho anche sofferto la morte di un parente stretto. In questo periodo il mio livello di stress era molto alto e ho anche un po' esagerato nel consumo di sigarette.
Ad inizio giugno, in coincidenza con la fine degli esami,(circa 1 mese e 2 settimane dal rapporto a rischio) ho evidenzia i primi segni di candida sulla lingua e cavo orale.
A quel punto il dottore mi ha consigliato, senza per altro prescrivermi nulla per la candida, di aspettare i fatigici 90 giorni per effettuare i test dell'hiv e altri test per malattie sessualmente trasmittibili: tutti risultati negativi.
Durante la seconda quindicina di Luglio l'infezione si e' estesa al glande: bruciori e tutto il resto.
Il dottore mi ha poi prescritto lo sporanox100mg (un corso di 4 pasticche due la mattina, due la sera). Il problema al glande e' andato diminuendo (ricomparso comunque poco dopo) mentre quello alla gola no. In una successiva visita al dottore egli mi ha prescritto la crema Canesten (clotrimale) per il glande e il Darktarin (miconazole 20 mg) per il cavo orale. Dato che non passava ho effettuato nuovamente il test dell'hiv a 130 giorni: negativo.
Test per il diabete: negativo
Emocromo completo: tutto in ordine.

Devo dire che questo problema che nn ha sinora trovato soluzione mi preoccupa molto e mi sta creando enormi problemi di insonnia da 3 mesi a questa parte: diciamo inoltre che le mie paure sono alimentate e accentuate sopratutto grazie a Internet.

Quello che mi chiedo ora sono le seguenti cose:
1)E' possibile che tutto questo sia dovuto a un forte carico di stress e se non curato e' possibile che l'infezione si espanda al resto del corpo?
2)E' possibile che un test dell'hiv risulti negativo in presenza di sintomi (anche dopo 120 giorni)?
3)con un test tradizionale dell'hiv e' possibile scoprire i vari subtypes dell'hiv (come il subtype O) e l'hiv-2 a 120 giorni (il test dovrebbe risultare nullo/incerto?)?
4) come dovrei procedere a riguardo e da chi mi posso indirizzare a Milano per essere visitato?

Vi ringrazio anticipatamente per ogni risposta che desidererete darmi.
Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

vista la particolare "complessità" del problema, arricchito dalla quota di (giusta?) ansia le consiglierei di rivolgersi, a Milano, ad un ambulatorio di malattie infettive di qualche ospedale a lei vicino ove trovare le risposte ai suoi dubbi. Non Internet!
cari saluti