Utente 308XXX
Salve,

Riposto qua la domanda seguendo il consiglio del Dr.Giulia Bernkopf.


Salve,

Scrivo da parte della mia fidanzata, si e' sottoposta ad intervento per slittamento del disco tra due vertebre (parte bassa della colonna vertebrale).L'operazione interessa la parte tra L3/L4 e L4/L5.

L'operazione ha avuto luogo quasi 2 mesi fa, "intervento di 1 ora e mezza" nel qualche e' stato riportato in sede il disco.

So che ogni persona ha tempi di ricovero diversi, ma vorrei capire, seguendo quella che puo' essere una linea generale, se dopo 2 mesi sia normale che ogni giorno ci siano momenti di parestesia alla gamba destra e dolori vari che compaiono senza appartente motivo lungo l'arco della giornata durante le normali attivita' quotidiane (camminare, alzarsi dalla sedia al lavoro, etc etc).

Ho l'idea che qualcosa non funzioni come dovrebbe essere ma porgo la domanda a voi per questo.

Ci sono stati 2 giorni (differenziati) in cui la mia fidanzata ha sperimentato leggera febbre (mi chiedo se potrebbe esserci in atto un'infenzione che porterebbe questi dolori dopo 2 mesi dall'intervento...)

Il prossimo controllo sara' verso la fine di giugno ma al momento non sembrano esserci miglioramenti.

La mia preoccupazione e' quella che non riesca a recuperare al 100%, ma forse la mia preoccupazione e' eccessiva.

Grazie in anticipo per eventuale chiarimenti.Ripeto so che non e' possibile effettuare una diagnosi online ma chiedo se i tempi ricovero sono nella norma e quale sia il successo di questo tipo di intervento.

Cordiali Saluti,
Emanuele.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Premetto, ad evitare malintesi fra gli altri utenti del sito che leggeranno, che dicendo "tempi di ricovero" immagino che intenda "tempi di recupero". È vero che ciascuno ha i propri tempi, tuttavia non è possibile esprimere un parere con i pochi elementi disponibili. Non sappiamo quale sia la vertebra scivolata rispetto alla sottostante ("tra L3-L4 e L4-L5 " non significa nulla), ma soprattutto non conosciamo la gravità della situazione di partenza, e nemmeno il tipo di intervento eseguito (il disco non si riporta in sede: si può riportare in sede la vertebra scivolata, ma per lasciarvela vi sono varie tecniche). Non sappiamo nulla delle "parestesie e dolori vari", e soprattutto non sappiamo se la loro sede coincide con il livello dell'intervento. Non riesco nemmeno a esprimere un parere sulla febbre, anche se in genere una discite dà una sintomatologia più appariscente di quella che sembra si possa intuire dalla richiesta. La sola cosa che posso suggerire è di farsi visitare da un altro ortopedico esperto in chirurgia vertebrale portando con sé tutta la documentazione clinica (copia di cartella clinica con la descrizione dell'intervento) e radiologica (rx/TAC /RMN precedenti all'intervento e successive a esso). È indispensabile la visita diretta per conoscere i Suoi sintomi e rilevare gli elementi che costituiranno il quadro clinico, per poter rispondere ai Suoi dubbi. A distanza non riesco a dire di più.
Cordiali saluti