Utente 383XXX
Egregi dottori,

vi sarei grati di un consulto sul mio problema: non riesco a raggiungere l'eiaculazione durante il rapporto con la mia ragazza.
Dietro prescrizione del mio pschiatra psicoterapeuta che mi segue da anni assumo gli antidepressivi Cymbalta 60mg a cui ho abbinato, da soli 6 sei mesi Levictra 50mg, una e una compressa al giorno al mattino dopo colazione.

Argomento delle sedute nel tempo è stata anche la difficoltà ad avere rapporti sessuali soddisfacenti. Consultato un andrologo, eseguiti gli esami del caso che hanno escluso cause fisiche, entrambi gli specialisti hanno attribuito la disfunzione erettile a natura psicogena, possibilmente esasperata dall'antidepressivo che ha tra gli effetti collaterali la riduzione dell'impulso sessuale. Entrambi hanno concordato sull'assuzione di cialis 10 mg in occasione del rapporto sessuale, ma non avendo una relazione stabile i riscontri degli effetti del cialis non sono di facile evidenza.

Da più di due anni ho interrotto le sedute di psicoterapia e ho proseguito con l'assunzione dei farmaci antidepressivi, constatandone insieme al medico l'efficacia come supporto emotivo, pur con l'effetto indesiderato, rimandando ad un secondo momento la risoluzione dell'ambito sessuale.

Da pochi mesi ho costruito una relazione stabile con una ragazza non della mia città, per cui i rapporti sessuali non sono frequenti, e nemmeno ansiosamente ricercati come un tempo. Credo di aver raggiunnto maggiore consapevolezza della sfera sessuale, dei giusti tempi del rapporto e dell'intimità di coppia, ciò nonostante sento il bisogno di continuare ad assumere cialis alla bisogna, all'oscuro della mia ragazza. Durante il rapporto raggiungo una buona, anche se non continua erezione, la penetrazione è piacevole, il rapporto complessivamente soddisfacente, ma non riesco a raggiungere orgasmo ed eiaculazione nemmeno stimolandomi con la mano, neanche quando, pur non assumendo altre compresse di cialis, ho altri rapporti nei giorni seguenti. Alla fine del rapporto, sforzandomi di eiaculare la sensazione è di insensibilità del pene. Tutto è ovvia fonte di imbarazzo per me e la mia compagna che si attribuisce la colpa del mio calo di piacere.

Pratico sport regolarmente, non fumo e non consumo abitualmente caffeina

Cosa posso fare per superare il problema ?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

i farmaci antidepressivi possono avere questo effetto collaterale.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questi temi, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/231-farmaci-interventi-possono-danneggiare-sessualita-maschile.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dr. Beretta,

grazie per la pronta risposta. Innanzitutto una correzione alla mia precedente: il farmaco che assumo in aggiunta al Cymbalta non è Levictra ma LAMICTAL 50 mg, ho fatto confusione.

Dalla lettura del secondo articolo che mi suggerisce non mi è chiaro se i farmaci che sto assumendo rientrano tra quelli sospetti e qual è la possibile soluzione per la riduzione di questi effetti indesiderati.

cordialità
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La soluzione è sempre legata alla necessità che lei ha di prendere questi farmaci e qui la parola passa al suo psichiatra di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.