Utente 316XXX
Buongiorno,
vi contatto perché avrei bisogno di una consulenza. Ho 33 anni e sto cercando un bimbo oramai da 3 anni; dopo varie vicissitudini ( 3 aborti ) gli specialisti del centro presso il quale mi sono rivolta ci hanno consigliato l' inseminazione. Siamo in lista d' attesa per agosto ma nel frattempo senza stressarci con mio marito cerchiamo sempre di provarci per riuscirci naturalmente. Il mio primo giorno di ciclo risale al 25 maggio. I miei cicli durano in media 25- 29 giorni. Domenica sera però dopo un intenso sforzo ( escursione in montagna ) ho notato delle perdite rosate sulla carta igienica che continuano tuttora a presentarsi sebbene in maniera piuttosto intermittente, la mattina sono molto di più mentre durante il giorno a volte si presentano a volte no ma se vado fino in fondo con la carta igienica questa si sporca sempre, come se ci fosse un piccolo punto da cui esce questo sangue ( mi ricordano molto le perdite che ho avuto ahimè dopo i raschiamenti quando in effetti erano rimasti dei residui di placenta ). Da premettere che ho l' appuntamento con la mia ginecologa lunedi però l' attesa un po' mi innervosisce...ho molta paura che ora mi sia venuto qualcosa che possa rallentare il mio percorso verso l' inseminazione ( cisti, fibroma, polipo ). L' anno scorso a luglio mi capitò una situazione simile e in quell' occasione andai dal mio ginecologo di famiglia che mi diagnosticò una piaghetta anche se in realtà quel ciclo durò soltanto 22 giorni ( carenza progestinica? ). Inoltre a marzo feci la mia ultima visita e la ginecologa mi disse che avevo ovulato da poco mentre poi il mestruo mi venne dopo pochi giorni. Dico questo perché ho il dubbio che si tratti di una carenza di progesterone anche se avere spotting già dal 14 pm mi sembra preoccupante. Cosa ne pensate? Io avevo fatto mesi fa i dosaggi ormonali e il progesterone era un po' bassino ma a parte questi episodi i miei cicli non sono mai cosi corti. So che senza una visita è difficile dare dei giudizi ma ogni volta ne ho una e sarei sollevata se mi diceste che le premesse per problemi che richiedono cure lunghe non ci sono. Grazie a chi avrà la pazienza di leggermi e soprattutto di rispondermi.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Secondo il mio parere giudico questo evento come fisiologico, molte donne in periodo ovulatorio possono avere spotting o addirittura perdita simil- mestruale.
Quindi lei si troverebbe in fase fertile, questa ipotesi va comunque confortata con una visita ,
Augurandole una bellissima gravidanz
[#2] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno dottore,
purtroppo queste perdite non erano sintomo di ovulazione dal momento che ieri alla fine si sono trasformate in mestruo; il mio ciclo quindi questa volta è durato 19 giorni. Per fortuna ho la visita domani, spero soltanto che non si tratti di qualcosa che possa rimandare l' inseminazione...quello che mi fa più rabbia è che fino a quando non ero alla ricerca del figlio stavo benissimo, ciclo sempre regolare, nessun problema...adesso è da 3 anni a questa parte che ne ho sempre una. Può capitare una tantum di avere un ciclo più corto? Non credo si tratti di stress anche se a maggio ho cambiato posto di lavoro perchè in realtà sono una persona molto zen e riesco a farmi scivolare tutto quello che mi accade ( credo di essere soltanto leggermente ipocondriaca ma a parte questo anche se il mondo crolla riesco sempre a pensare che basta spostarsi un pò più in la per non essere colpiti ).
La ringrazio per la risposta.
Buona domenica.