Utente 369XXX
Gentili dottori,
circa 6 mesi fa sono stato da un dermatologo a causa di un minimo diradamento a livello temporale dei capelli che mi ha diagnosticato un'alopecia androgenetica della tra la scala I e II di norwood-hamilton.Da allora assumo minoxidil al 5%.
Purtroppo è anche da allora che vivo con la costante paura di perdere i capelli.
Eppure nella mia famiglia non ci sono calvi ne dalla parte di mia madre ne dalla parte di mio padre.
Mio padre ha iniziato a stempiarsi a 50 anni ed ho un unico zio materno che inizio a perdere i capelli piu o meno a 27 anni.
Documentandomi ho inoltre visto che poco si puo sapere sulla progressione della malattia(?).
Alcune persone perdono tutti i capelli in pochi anni, altri li mantengono fino a tarda eta.
Per questo volevo chiedervi maggiori delucidazioni.
Posso sapere qualcosa riguardo la mia situazione?L'alopecia potrebbe fermarsi o rimanere stabile gia nelle fasi iniziali?Potrebbe trattarsi di alopecia fronto parietale-fisiologica?
Sono davvero turbato da questa situazione.Vado per i 23 anni.
Ringrazio in anticipo per le risposte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
la previsione sul decorso dellasua patologia non può essere fatta in maniera precisa , anche se da una parte gli esami (genetici, clinici e laboratoristici) e dall'altra l'esperienza del dermotricologo aiutano, e non poco.
come saprà si chiama alopecia androgenetica proprio per rimarcare la importanza della genetica, e per questo. ..nella storia naturale ognuno ha la Propria condizione , o possiamo dire, la propria alopecia.
Faccia le terapie che potranno giovare tantissimo.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Di conseguenza dottore non c'è nulla che io possa fare per rassenerarmi?
Posso solo vedere e aspettare?
Sono ormai nel panico.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Non era esattamente questo il messaggio che volevo far passare (disperazione e rassegnazione) ....ma proprio il contrario!:-).Cioè che con cure e controlli si può fare molto e contrastare validamente la patologia.
cordialità