Utente 374XXX
Salve a tutti. Vi racconto la mia esperienza sperando di avere una risposta.

Il 29 aprile ho avuto un rapporto attivo non protetto. Dopo una decina di giorni mi si gonfia un linfonodo inguinale e il 24/25 maggio mi compaiono sul glande due macchiette rosa/rossastre. Allarmato scrivo al mio urologo, allegando una foto. Lui mi dice che non gli sembra di origine infettiva ma piuttosto da ipersensibilità.
Sento anche il mio medico di famiglia che mi consiglia di usare solo sapone di Marsiglia x 2/3 giorni.

Le chiazze non se ne vanno ma subiscono un'evoluzione. Il 27 maggio si aprono al centro è un liquido trasparente fuoriesce; il 29 maggio una delle due chiazze sanguina nel centro.

Prendo appuntamento da un dermatologo privatamente che visiona le "ulcere" e mi somministra impetex crema la mattina e eozync crema la sera x 7/10 giorni (terapia che non eseguo). Gli racconto del mio episodio sessuale a rischio e mi prescrive analisi Hiv e sifilide su mia richiesta.

8 giugno eseguo le analisi ed il medico al consueling mi dice che probabilmente per lui è herpes e di non seguire la terapia in crema poiché sarebbe stato inutile.
Dopo l'8 giugno ho avuto 3 episodi di gocciolina bianca fuoriuscita dal foro del glande.
15 giugno ritiro i risultati :
Hiv negativo
Ab per sifilide rpr < 1:2 (negativo)
Treponema pallidum ig totali (clia) 2,10
Ab per t. Pallidum tpha (iha) <1:80 (assenti)

L'infermiera che mi da i risultati mi dice negativo. Esco felicissimo, apro la busta e leggo quel 2,10 sopra la soglia. Torno dal dermatologo che allarmato mi invita a fare di nuovo il prelievo di sangue nel suo laboratorio. Gli dico che il giorno seguente torno dal medico del consueling e chiedo spiegazioni.

16 giugno: il medico mi spiega che sono attualmente negativo alla sifilide e che quel 2,10 potrebbe essere o una falsatura del test oppure una sifilide decapitata avuta anni prima ma bloccata da qualche antibiotico. Per mia sicurezza mi prescrive visita dal dermatovenereologo che incontrerò giovedi. X la questione delle goccioline bianche mi prescrive cefixoral 400 mg 1 compressa e zitromax 500 mg 2 compresse (solo x il giorno 16) in modo da bloccare ogni uretrite.

Cortesemente qualcuno mi spiega cosa mi sta accadendo? Grazie mille

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Salve,
purtroppo dirle cosa le sta accadendo non è facile in questa sede dato che non è possibile visionare il suo quadro clinico ed intuire la natura delle sue lesioni.
Dalla descrizione del suo quadro clinico mi sembra di capire che prima ha avuto una linfoadenopatia e successivamente delle lesioni sul glande; quest'ultime sono dolenti? Dure alla palpazione? Si sono formate delle vescichette ripiene di siero? Ha effettuato un tampone delle lesioni? Ha fatto la ricerca della clamidia?
Le condizioni che potrebbero giustificare un quadro del genere sono numero diverse: potrebbe essere una sifilide primaria (ovviamente deve essere confermata dalle analisi che ha ripetuto), un'infezione erpetica, o anche un linfogranuloma venereo.
Ci faccia sapere come evolve la situazione.
Saluti
Dott. Carlo Mattozzi
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2007
Salve Dottore, rispondo alle sue domane e poi aggiorno il quadro.

Si, prima si è ingrossato il linfonodo, poi sono comparse le chiazze rosse che si sono evolute in ulcere dopo 3/4 giorni. Non sono dolenti. Sono in rilievo alla palpazione e si dure ma non eccessivamente. le vesciche nella seconda fase dell'evoluzione si erano aperte nel centro e fuoriusciva un liquido trasparente. oggi ho effettuato anche il tampone sulle lesioni. Non ho fatto ricerca clamidia.

il 16 giugno ho preso i 2 antibiotici prescrittimi (3 compresse insieme solo per un giorno) e il giorno seguente (17 giugno) ho avuto fenomeno di febbre a 38,3 con ispessimento delle vene peniene, dolenza, arrossamento del glande, prurito e il pene sembra come se si fosse leggermente gonfiato, mi sembra più grosso al tatto.

il 18 giugno sono stato dal dermatologo venereologo che ha visto le mie vecchie analisi ed ha interpretato quel valore 2,10 come un inizio di formazione anticorpi sifilide. mi ha fatto fare un nuovo prelievo per indagare:

igm western blot
igg western blot
pcr x treponema
tampone per germi comuni
epatite c
estrazione dna rana (virologia)

mi ha chiesto di non attendere i risultati e di iniziare la terapia antibiotica per bocca x 14 gg con miraclin 100 oppure 2 iniezioni di penicillina qualora io non fossi allergico.

dottore qualora lei volesse posso allegarle in mail delle foto delle lesioni nelle varie fasi dell'evoluzione.
la ringrazio per la gentile risposta