Utente 383XXX
salve, sono un ragazzo di 25 anni, che gioca a tennis a livello agonistico e svolge anche un lavoro come maestro di tennis. Da qualche anno soffro di dolore ai polsi, ad entrambi, ma in modo particolare al destro (sono mancino), non riuscendo a trovare una soluzione, scrivo sperando in qualche utile consiglio.

Ho effettuato degli esami al polso destro, due risonanze magnetiche (una nel 2011 e una nel 2015) ed un'ecografia (nel 2011).

La risonanza del 2011 indica:
- irregolarità osteoartrosiche carpali, in particolare dello scafoide, con piccoli nuclei di basso segnale contigui per calcificazioni/corpi liberi
- segni di moderata sinovite con sottile quota fluida nel versante radiale capsulare e sul versante dorsale in corrispondenza dello scafoide.

L'ecografia indica:
- tenosivite di modica entità della guaina comune degli estensori
- distensione capsulare radio scafoidea ed irregolarità della fibrocartilagine triangolare da possibile infrazione.

Nell'anno 2011 ho:
- indossato per 30 giorni un tutore al polso destro
- effettuato 5 sedute di mesoterapia

Pochi mesi fa, nel 2015, ho effettuato una nuova risonanza magnetica che indica:
- piccola quota liquida intorno al tendine dell'estensore radiale del carpo
- una piccola cisti gangliare del legamento scafo-lunare di 4mm
- una cisti sinoviale pisopiramidale di 6mm

I dolori continuano ad essere forti, soprattuto quando l'articolazione è in carico (verticale, piegamenti sulle braccia)
come potrei agire?
Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

i problemi al suo polso sono diversi.

L'ideale sarebbe il riposo funzionale: purtroppo, la sua attività sportiva non è proprio compatibile con l'attuale situazione.

In ogni caso, perlomeno la componente infiammatoria (sinovite) può essere gestita con terapie fisiche (tecar, laser, ultrasuoni, tens, onde d'urto, ecc.), se necessario anche con 1-2 infiltrazioni locali di cortisone.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Dottore grazie per la risposta, ho dimenticato di aggiungere che lamento anche dolori ai gomiti, probabilmente avrò un'epicondilite ed una epitrocleite date le zone interessate. Possono essere le cause dei dolori ai polsi o non sono collegate le infiammazioni?

Le cisti sono la causa dei miei dolori (oltre alla sinovite)? E' possibile curarle in qualche modo?

Tra le terapie fisiche quale mi consiglia?

Mi scusi per le tante domande ma vorrei cercare di vederci un pò più chiaro, grazie mille anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
No, le due cose non sono collegate, ma tutte possono essere influenzate netativamente dall'attività fisica che svolge.

Non esiste una terapia igliore in assoluto, perchè la risposta terapeutica è soggettiva.

Le cisti non dovrebbero essere responsabili del dolore.
[#4] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora dottore.

A parte le tendiniti allora secondo lei da cosa è causato il dolore al polso?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ci sono vari problemi nel suo polso.

Difficile dire quale sia responsabile di cosa.

Intanto bisogna eliminare i processi sinovitici (infiammatori), poi si vedrà il resto.
[#6] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Oggi ho fatto l'ennesima visita ortopedica. Ancora una volta sono stato scoraggiato, non mi viene indicata nessuna possibile cura, ma solo dei consigli per conviverci al meglio. A livello dello scafoide il dolore é insopportabile, non c'é alcuna possibilità di risolvere il problema?
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Forse nel suo caso potrebbe essere indicato un intervento per via artroscopica per fare una toilette articolare e rimuovere i corpi liberi intra-articolari.
[#8] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora per la risposta, oggi la visita l'ho fatta da un rinomato ortopedico a Roma. Mi é stata consigliata la magnetoterapia CEMP da fare per un mese tutte le notti e l'applicazione di ghiaccio quotidianamente. Cercando di non sovraccaricare l'articolazione. Il dolore a me é presente come ho già detto a livello dello scafoide durante la flessione con carico prevalentemente alla base del dito indice. Mi indica di poter effettuare questo intervento per migliorare la situazione?
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Le terapie proposte mirano a ridurre lo stato infiammatorio, ma se questo è causato, in toto o in parte, da questi supposti corpi liberi intra-articolari (potrebbero però essere solo calcificazioni), lo stato infiammatorio potrebbe non regredire.

In tal caso, solo la roro rimozione chirurgica potrebbe migliorare le cose.
[#10] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Scusi ancora il disturbo, ma questi corpi liberi come si possono individuare con certezza? Nell'ultima risonanza del 2015 non mi sembrano indicati o sbaglio? Grazie
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Effettivamente non vengono segnalati nel nuovo esame, ma si parla di due gangli (cisti gangliari).

Anche questi potrebbero essere alla base dei suoi disturbi, considerando che è un polso molto sollecitato.
[#12] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Prima di effettuare dei tentativi non ci sono altri modi per capire la causa specifiche del dolore? Si dovrebbe agire per tentativi? Mi scusi per le tante domande, ma come può capire sono stanco di non riuscire a trovare una soluzione.
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Può solo fare terapie fisiche o infiltrazioni locali di Arnica Compositum o di steroidi deposito, vedendo poi cosa succede.
[#14] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Grazie, ma altri esami diagnostici più accurati per individuare il problema non sono possibili?
[#15] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non ci sono esami superiori alla RM.....
[#16] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Me ne consigliando farne una ulteriore in qualche altro centro diagnostico? Grazie
[#17] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non sono in grado di valutare il livello qualitativo dell'ultima RM del 2015.

Potrebbe farla vedere a un radiologo esperto di RM muscolo-scheletrica e farsi dare un parere anche sulle scansioni eseguite oltre che sulla qualità della macchina utilizzata.
[#18] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
L'ultima risonanza é stata eseguita nell'ospedale di Avellino, con particolare attenzione conoscendo ed avendo esposto il problema al primario di radiologia, quindi credo sia giusta a questo punto
[#19] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Probabile.
[#20] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Salve, dr. Leccese, riaggiorno il mio problema avendo effettuato una nuova visita, da uno specialista in chirurgia della mano. Controllando la RM mi ha consigliato di asportare la cisti a livello del legamento scafo-lunare, a sua detta, chiaramente la causa di miei dolori. Lei che mi consiglia? Grazie anticipatamente
[#21] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Probabilmente la sua valutazione è corretta.
[#22] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la risposta, avendo il dolore anche al polso sinistro, è possibile che sia presente la stessa problematica (ovvero la stessa cisti) in entrambi i polsi? Purtroppo la risonanza magnetica del 2015 è stata effettuata solo al polso destro.
[#23] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Tutto è possibile....

Potrebbe però anche trattarsi di altro.

Si faccia prima visitare, per vedere se c'è un'altra patologia dal lato opposto.