Utente 383XXX
da qualche anno qualsiasi cibo,specialmente se condito con olio o comunque cotto,per quanto possa sembrar incredibile mi lascio alito sgradevole,comunque forte. Ho fatto la prova di non ingerirlo, sputandolo ,per escludere il problema riguardi lo stomaco..e in effetti riguarda la bocca,la gola.Quando inalo anche solo poca polvere ,mi compaiono placchette di fibrina sulle tonsille (mi si dice un po' rimpicciolite) se la polvere è piuttosto sporca viene un malessere che ricorda la febbre,anche se febbre non cè.talvolta compaiono afte,anche per lo sfregamento da spazzolino.Esami per hiv,micosi,tamponi orali ,tutti negativi..solo avuto dieci anni fa Epstein barros,toxoplasmosi leggera,e epatite b ma in forma quasi asintomatica.per cui ora anticorpi e non contagioso. lALITOSI è il vero problema...prego aiutarmi la situazione è DRAMMMMATICA! e non si risolve con la pulizia dentale quotidiana....il problema è insorto 4 anni fa,baciando e facendo sex con la mia ex. Con febbricola di tre mesi e dolori fegato e milza.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giulio Iasonna
32% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Gent,le sig.
ritengo che i problemi siano due, conseguenziali tra di loro.
Al momento è molto probabile che vi sia una stomatite da candida, non necessariamente aftosa, ma dati i precedenti di diverse infezioni soffeerte (non di frequente riascontro) fanno ritenere che vi sia un lieve deficit immunologico, di vecchia data, che la espone a facili infezioni.
La candida, o altra eventuale monilia che sia, andrebbe curata ora, con antimicotici, per un periodo sufficientemente prolungato per essere certi dell'esito favorevole e per evitare eventuale recidiva, ma poi andrebbe eseguito un esame funzionale del sistema immunitario per comprendere quale sia il difetto e come eventualmente intervenire.
saluti
[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
grazie per l attenzione dr iasonna,in effetti anni fa iniziai terapia per una sovrappopolazione di candida dall esame fecale ,(ketoconazolo) ma dovetti smettere dopo alcuni giorni per i dolori al fegato che non cessavano. Ad oggi ho gonfiore gastrico dopo i pasti, che è dovuto anche ,e sopratutto, al rilassamento pelvico o allo scivolamento gastrico da ernia a clessidra a quanto pare,,,Evito alimenti che favoriscono candida ....e colesterolo...! Vorrei iniziare una terapia meno aggressiva per il fegato,magari erboristica. Però per la contaminazione ,quale che sia,della stomatite mi chiedo ancora se per caso non esista possibilità di prelevare, come per l helicobacter che trattai dieci anni fa,un frammentino di mucosa orale.Sarebbe possibile.eventualmente fare quel prelievo e mi saprerbbe indicare dove, anche vicino roma ? Perké di antibiotici non secondo antibiogramma , negli anni,per diversi motivi,ne ho presi anche troppi,così come mi ha detto anche qualche altro medico..e che possono aver favorito la C. o altro, da lei suggerito.. Grazie di nuovo per qualsiasi "dritta"o consiglio da parte di chiunque dei disponibili medici in ascolto. Buonasera.