Utente 348XXX
Buongiorno,
La mia domanda é molto semplice e spero di ottenere al più presto risposta : siccome ho un ascesso bello grande e il dentista me lo sta drenando pian piano in piú sedute (drena ogni volta il possibile,ma la zona della gengiva é dura al tatto) volevo capire per quanto tempo conviene utilizzare un antibiotico.

lo chiedo perché io l'ho iniziato martedi,domenica finisce il ciclo di 6 giorni,ma probanilmente martedi (quando torno dal dentista) continuerá il drenaggio laddove sia possibile.Da come ho letto nel web, fintanto che non si sgonfia del tutto l'ascesso e il pus drenato, é bene essere sotto cura antibiotica.Anche perché drenando, il pus si riversa inevitabilmente un pò in bocca (infatti dopo l'ultima seduta appena conclusa ho un pessimo retrogusto) e da come leggevo per questo motivo anche é meglio essere sotto cura antibiotica (cioé é necessario).
Quindi cosa dovrei fare? Comprare un'altra confezione di antibiotico e continuare avanti o cosa?
Perché ,come giá detto,il ciclo di cura finisce domenica e la prossima visita é martedi (quindi altro drenaggio ecc a ciclo ormai concluso).
L'antibiotico é l'Augmentin.
In sostanza non capisco se sarebbe meglio continuare avanti la cura antibiotica o meno..se bastano 6 giorni (il ciclo) e poi comunque sono coperto anche i giorni successivi o meno..perché sempre di pus e infezione si tratta..infine volevo capire se il pus (e quindi il rigonfiamento sulla gengiva) si assorbe da solo o meno con le cure.Lo chiedo perché sta drenando il drenabile ma il rigonfiamento permane ancora.(sono al quarto giorno di cura antibiotica)

Per ulteriore informazione, posso dire che l'ascesso é stato causato da una necrosi pulpare,quindi é stato preparato il dente alla canalare (bucando,ecc) e ho delle medicazioni provvisorie per permettere al dentista di drenare,ecc
Quindi é stata individuata subito la causa dell'ascesso,e volevo capire come si tratta la questione pus e rigonfiamento in casi di ascesso,onde evitare complicanze.
A me sembra comunque che il dentista stia adoperando bene,come da manuale.Ho chiesto dell'antibiotico perché sono un pò spaventato del pus e di cosa questo potrebbe comportare al mio organismo.
Grazie per l'attenzione
Distinti Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mirco Di Biase
36% attività
8% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
l'ascesso dentario è una raccolta di pus che deriva da un processo infettivo a carico dei tessuti dentari (polpa dentaria) e/o tessuti circostanti ( gengiva,osso,legamento parodontale). Trattandosi come lei riferisce di infiammazione irreversibile della polpa (pulpite purulenta), il pus viene a riversarsi in zone di minore resistenza causando il tipico gonfiore.
Se l'ascesso risultasse di notevoli dimensioni è necessaria la sua incisione e drenaggio che permette la riduzione della compressione e del dolore. Successivamente viene eseguita (laddove è possibile conservare l'elemento dentario) la terapia canalare che mira all' eliminazione di tutto il tessuto necrotico e i batteri presenti nel sistema canalare del dente da trattare. La terapia antibiotica è utilissima a ridurre la carica batterica ed evitare infezioni in altri distretti corporei.
Di norma è sufficiente un solo ciclo di terapia antibiotica poichè la sola terapia farmacologica non può garantire la guarigione completa, per cui risulta fondamentale il trattamento endodontico effettuato dal dentista.
La terapia canalare consta di alcune sedute atte a drenare, detergere e medicare il sistema dei canali radicolari quindi dopo il ciclo di terapia antibiotica le consiglio di consultare il suo dentista che avrà certamente un preciso quadro clinico della sua odierna situazione. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Ringrazio per la risposta.
ad ogni modo a me preoccupa un po il fatto che sono al quarto giorno di cura antibiotica (Augmentin) ma ho ancora questa ''montagnetta' dura sulla gengiva (piuttosto grande).
Anche perché non mi é chiaro se a un certo punto può riassorbirsi da sola o meno,senza contare che,come scritto precedentemente,sono al quarto giorno di antibiotico..ne ho ancora due e poi il ciclo é finito..e al momento non é cambiato granché e la massa é ancora piuttosto dura al tatto.
Volevo capire se nel caso a fine ciclo la situazione rimanesse immutata,é necessario per forza fare un nuovo ciclo di antibiotico (magari cambiandolo,ecc ) o meno.
Antifiammatori e/o antidolorifici non ne ho presi,perché non ho dolore particolare.A me il dentista ha detto di prenderli eventualmente se mi fa male.Ma non so se l'antinfiammatorio potrebbe aiutare a sgonfiare l'ascesso o comunque renderlo piu 'molle' per un drenaggio piu efficace.


Quando ho iniziato la cura avevo anche la guancia gonfia,ora si é sgonfiata quasi completamente.
Da quei che ho capito comunque la canalare mi é stata giá fatta solo che non l'ha otturata per il pus che continua a fuoriuscire.Ho fatto due sedute e al momento ha drenato dai canali il pus e medicato provvisoriamente il buco con (credo) del cotone (in modo da lasciare il canale aperto per l'aspirazione).Credo sia stata fatta perché ha operato sul dente,ha bucato,ecc (non sono esperto io in materia).Tra l'altro non mi ha fatto l'anestesia perché tanto il nervo era andato e non ho sentito gran dolore (solo delle piccole scosse qua e la quando penetrava nei vari canali).

A me il dentista sembra preparato,comunque sono li in cura da anni.
Volevo solo capire eventualmente cosa chiedere o meno,perché a me sembra che ogni volta 'spera' di poter chiudere il buco del dente e fine...e rimanda ogni volta perché esce ancora pus..ma io non mi sento tanto tranquillo finché la montagnetta sulla gengiva non é sparita del tutto...non so se riesco a spiegarmi..
[#3] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Volevo aggiungere una cosa : dando un occhio su internet si vedono foto di ascessi che sembrano come dei 'brufoli/vesciche' sulla gengiva..spesso di colore diverso dalla gengiva..un po come un brufolo che sta per esplodere insomma..
Quello che a me personalmente preoccupa (anche s enon ho visto il dentista preoccupato) é che il mio é un vero e proprio rigonfiamento della gengiva nell'arcata superiore in fondo,penultimo dente...quindi non mandibolare.
Il colore della gengiva é normale (apparentemenre sano chiaro,come il resto della gengiva).
Solo che é grande,e duro al tatto.é come se avessi un pezzo di gengiva in piu..quella a destra se scorro il dito va liscia fino alla fine (é piana diciamo),dove ce l ascesso quando si scorre col dito verso la fine si sente questo rigonfiamento della gengiva.una vera e propria collina per niente piccola..come se appunto ci fosse un pezzo intero di gengiva in più che si espande.é una vera e propria massa supplementare insomma,piuttosto dura al tatto..e mi chiedo come potrá mai andarsene.visto che é dura e quindi incidere servirebbe a poco (non drenerebbe nulla,un pò come la differenza tra un brufolo e una ciste (quest'ultima é esteticamente simile al brufolo ma é una massa dura).
Ovviamente non é detto che sia piena di pus al 100%..sta di fatto che mi chiedo come possa ritirarsi..visto che ho gia iniziato a drenare pus dal dente e sono giá al quarto giorno completo di antibiotico..e tra due giorni finisce il ciclo di cura (mancano da prendere 4 dosi).
Oggi ho notato che mentre drenava dal dente,premeva questa protuberanza probabilmente nell'intento di far uscire il pus di più,solo che é molto dura questa massa..ergo premere aiuta poco.
[#4] dopo  
Dr. Mirco Di Biase
36% attività
8% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Comprendo quanto dice, termini la terapia antibiotica come le e stato prescritto, la terapia canalare farà il resto vedrà che pian piano il gonfiore sparirà. Cordialmente.
[#5] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per le risposte,ad ogni modo credo che la canalare sia gia stata fatta in parte perche ha forato il dente e tutto e ha drenato per due sedute il pus dai canali del dente..stava solo aspettando di otturare (con l'otturazione provvisoria).
Sono al quinto giorno di antibiotico ma la zona non si è ancora sgonfiata..la guancia invece si e quasi del tutto sgonfiata..martedi era abbastanza gonfia..ora lo è molto meno.
Mi sto chiedendo più che altro se l'antibiotico sta facendo o no effetto..e se lq risposta fosse no (o comunque non piu di tanto),cosa si dovrebbe fare?cambiare antibiotico?Ma dopo 6 giorni di antibiotico si puo iniziarne subito un altro?
Ovviamente comunque non faro nulla di testa mia sia chiaro,dovro attenermi alle istruzioni del dentista.
[#6] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
probabilmente ho inteso male, ma sembra che il dente sia stato lasciato aperto, cioè privo di otturazione con cemento provvisorio, con i canali a diretto contatto con l'ambiente orale.
Se così fosse l'ascesso in atto non perverrà a guarigione neanche con la terapia antibiotica ripetuta più volte, con il rischio di non poter recuperare il dente per la contaminazione dei canali da parte di batteri difficilmente eradicabili con la terapia endodontica.
Cordiali Saluti
[#7] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Il dente non ha l'otturazione provvisoria ma ha una medicazione (credo con del materiale simile a del cotone).Diciamo che per essere chiuso è chiuso,non è che i buchi e i canali sono aperti perchr appunto ce la medicazione che tappa.Solo che non è un'otturazione vera e propria.D'altronde se il pus era / è ancora presente,credo che otturare subito non fosse la scelta giusta...anche perchè il pus era ancora presente nei canali stessi (ma non mi stupisce la cosa visto che ho ancora la gengiva gonfia..)
E incidere l'ascesso credo non sia fattibile non essendo colliquato..
[#8] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Una medicazione dev'essere comunque protetta da un'otturazione provvisoria, altrimenti si contamina dopo pochi minuti.
Quando è presente pus nei canali, dopo i lavaggi con ipoclorito ed asciugatura, se non si ritiene opportuno chiudere definitivamente, dev'essere applicata all'interno una medicazione provvisoria per mantenerli asciutti ed impedire che si riempiano di nuovo di pus, poi si ottura la parte coronale sigillando il dente e sia attende la guarigione clinica dell'ascesso.
Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Nel mio caso è stato fatto tutto tranne l'otturazione coronale..
Ad ogni modo martedì vado la e sicuramente mi faranno l'otturazione,ma resterò con la sola medicazione per 5 giorni in tutto..Sotto copertura antibiotica comunque,fino a domani (domenica).
Quindi cosa dovrei fare?Martedì probabilmente continuerà il drenaggio di pus e chiuderà con un'otturazione provvisoria..ma poi?
L'infezione come si cura?Perchè sicuramente il gonfiore alla gengiva sarà ancora presente,e non sarò più sotto cura antibiotica.
A me preme curare del tutto l'infezione onestamente...è quella che mi spevanta.
Ad ogni diciamo che,anche se ho una medicazione e non un'otturazione,sono sotto copertura antibiotica quindi un minimo di protezione dovrei averlo..però la prossima settimana non sarò più sotto cura antibiotica per fine ciclo di cura..
Anche se guardandomi il dente con una luce e lo specchio,non sembra aver buchi o altro..sembra come gli altri.
Quindi la medicazione credo sia fatta bene..
L'unico miglioramento che ho riscontrato da quando ho iniziato la cura è stato sulla guancia.Martedi era gonfia e inoltre la zona aveva un formicolio (un po' come la sensazione che si ha quando viene fatta l'anestesia).Dopo due giorni di antibiotico si è sgonfiata abbastanza e il formicolio è scomparso.Ora alla vista si nota molto poco il gonfiore.Appena appena.
[#10] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Aggiorno la situazione odierna : oggi sará l'ultimo giorno di augmentin.
La guancia sembra quasi del tutto sgonfia.Il dente sembra chiuso ancora bene,non vedo sfilacciamenti nella medicazione o buchetti sul dente causa perdita di medicazione (spesso mi era capitato in passato che per un niente venisse via l'otturazione provvisoria..)
Mi lavo spesso i denti per tenere la zona pulita il piu possibile e mastico sempre dall'altro lato quando mangio..
la massa sulla gengiva non sembra essersi attenuata ed é molto dura al tatto (a parte in alcuni punti in cui é leggermente piu molle).Al momento l'unico cruccio é questo.Ma riguardo alla massa,posso dire che mentre fino a ieri una leggera pressione mi causava comunque dolore alla stessa..da stamattina ho notato la scomparsa di dolore.é meno dolorante alla pressione o sfioramento con lo spazzolino..potrei dire che non mi fa piu male..al massimo una leggera sensibilitá ma dolore direi proprio di no. ..mentre prima quando mi avvicinavo com lo spazzolino sentivo dolore..infatti mi sono accorto cosi dell'ascesso all'inizio,ossia perché avevo dolore alla gengiva nella fase di sfregamento con lo spazzolino durante la pulizia dei denti.
Magari si é sfiammata...anche se resta identica nelle dimensioni,almeno a oggi.
Poi non so come funziona in questi casi...magari non é detto che la massa sia piena di pus al 100%..il rigonfiamento della gengiva insomma...anche perché é dura al tatto..magari é solo la gengiva che é gonfia ed essendo comunque una mucosa di per se "dura",é normale che sia dura al tatto e ci vorrá un pò perche si sgonfi del tutto.
ma quello é il meno,perche l importante é che non faccia male e che non vi siano infezioni in corso nel mio organismo..poi se resta gonfia la massa per un pò pazienza..basta essere tranquilli a livello di salute..non é che ho fretta che la massa si ritiri,a me basta che non ci sia infezione pericolosa per l'organismo tutto li..
Al momento mi sento bene,febbre non ho..al massimo un pò di debolezza ma credo sia colpa di Augmentin.Sto prendendo comunque anche fermenti lattici,in bustina.