Utente 180XXX
Buongiorno,
dopo lastra rachide lombosacrale con il seguente esito:
Rettilineizzazione del rachide lombare per riduzione dela fisol. lordosi.
Note di spondilosi e artrosi interapofisaria.
Ridotto di ampiezza lo spazio intersomatico l5S1
L'ortopedico mi ha prescritto programma di fisioterapia per puro scrupolo di mettere nei prossimi esami del sangue il valore della vitamina D.
Dagli esami eseguiti a meta' maggio il valore della vitamina D espresso in 25- OH è si 5.3

Non avendo piu' il dolore alla schiena mi sono recata dal mio medico di base e gli ho mostrato i valori.
Segnalo qui sotto altri valori "bassi" riscontrati nelle analisi:
Emoglobina 10.6
Ematocrito 33.1
MCV 78,5
MCH 25.1
RDW 17.5
FERRO 22
Ferritina 4

TSH nella norma.

Onestamente mi sono molto meravigliata del valore molto basso della vitamina D, il mio medico di base non ha dato molto peso alla cosa e mi ha prescritto DBASE DA 25.000 U.I da assumere ogni 15 giorni e ripetere gli esami a fine settembre.
Prendo inoltre Ferrograd ogni giorno per il ferro.

Comunico che ho avuto un bambino che ora ha 2 anni e 4 mesi e che ho allattato a ritmo molto intenso da marzo 2013 a febbraio 2014, non so se questo possa incidere sul valore della vitamina d, ormai non allatto da piu' di un anno!

Da un anno ho anche il cicli molto irregolare, o molto scarso o molto abbondante e a volte di 35/ 40 gg , Visita ginecologica ok e pap test ok.

Un valore cosi basso per la vitamina D cosa comporta?
E' pericoloso ai fini di possibili fratture ossee oppure no?

Ora dai consulti precedenti mi e' sembrato di capire che con un valore cosi basso occorre integrare la vitamina D con dosaggi superiori o con maggiore frequenza e fare ulteriori accertamenti ma visto che il mio medico mi ha consigilato solo quanto indicato e di passare un po' di tempo all aria aperta,

volevo un vostro parere e sapere a chi rivolgermi ortopedico o endocrinologo?


Ringrazio fin d'ora per l'attenzione e porgo cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Coli'
32% attività
12% attualità
16% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile utente, un valore così basso di vitamina D richiederebbe l'ulteriore dosaggio del PTH (paratormone), per verificare se la carenza di vitamina D abbia già comportato un iperparatiroidismo secondario. Dopo l'esecuzione di tale esame, le consiglierei (secondo le linee guida della società italiana dell'osteoporosi) di eseguire un carico con 900.000 unità di vitamina D in circa tre mesi per poi proseguire con la dose di mantenimento che le è stata già prescritta. Gli specialisti per l'osteoporosi può trovarli nei seguenti siti
www.lios.it
www.siommms.it
www.stopallefratture.it
Ci tenga informati

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno Dottore,
ringraziandola per la Sua riposta del mese scorso scrivo per aggiornarLa in merito agli esami svolti:
PTH VALORE 45 ( nella norma da 12 a 72)
CALCIO SIERICO 9,6 ( nella norma da 8,6 a 10,2)
Mi sono recata dall' ortopedico il quale mi ha aumentato il dosaggio della vitamina dai da 25,00 u.i. ogni 15 giorni a 50.000 U.I ogni 15 giorni per 4 mesi, dopo diche' dovro' ripetere gli esami e da li si potra' valutare se ci sono problemi di malassorbimento oppure no.
L'ortopedico ha riscontrato problemi alla cartilagine di entrambe le ginocchia e devo eseguire una lastra sotto carico. ( Ho dolore quando mi chino per raccogliere qualcosa da terra o a salire le scale)
Il ciclo continua ad essere irregolare, da fine maggio assente, puo' esserci un collegamento tra carenza di vitamina D e amenorrea ?
Prima della gravidanza sono sempre stata molto regolare.
La ringrazio molto per la disponibilita'.
Cordiali saluti.


[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Coli'
32% attività
12% attualità
16% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signora, fortunatamente la sua carenza di vitamina D non ha avuto ripercussioni sui valori di PTH e quindi reintegrando con il Dibase non ci saranno problemi. Per poter dare però il necessario carico di vitaminaD in tre mesi, dovrebbe assumere le 50.000 unità ogni 5 giorni e ripetere poi il dosaggio a distanza di un mese dall'ultima assunzione. Da quanto al momento si conosce sul metabolismo della vitamina D, non ci dovrebbero essere connessioni con la sua irregolarità mestruale.
Ci tenga informati