Utente 384XXX
Buongiorno, ho 39 anni e tre anni fa dopo tre spermiogrammi con assenza di spermatozoi, ho effettuato visita andrologica. Mi è stato riscontrato un volume ridotto dei testicoli, FSH tendente verso l'alto (13,9), altri esami ormonali ed esami genetici nella norma. Non è emerso altro tipo di problema. La diagnosi è stata di azoospermia secretiva. Un anno e mezzo fa mi sono sottoposto, quindi, ad intervento di microtese in struttura ospedaliera. Purtroppo, a causa di arresto maturativo, il materiale estratto non poteva essere utilizzato per PMA. Ora, a seguito di nuovo consulto andrologico, mi è stata prospettata la possibilità di riprovare un nuovo intervento di microtese in struttura privata (altro centro ed altro chirurgo) con una possibilità di recupero del 35-40%. Ora, il chirurgo è stato onesto nel non darmi garanzie sul recupero ma mi ha rassicurato sull'assenza delle conseguenze a sottopormi ad un secondo intervento.
Quello che mi preme capire è se effettivamente posso star tranquillo per la mia salute, a parte un aumento del FSH ed un eventuale diminuzione del testosterone, ora nella norma. Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,per la salute generale non mi preoccuperei.Sulle possibilità di riuscire a recuperare spermatozoi e procedere con una micro TESE nutro le medesime perplessità di chi ha già avuto il privilegio di visitarla in precedenza.Non vedo perché debba ridursi il testosterone.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la risposta celere. Con la frase "non vedo perché debba ridursi il testosterone" intende che il rischio di riduzione ormonale è alto in seguito ad un secondo intervento di Microtese? La motivazione per cui io sarei propenso a sottopormi ad un secondo intervento è perché l'andrologo mi ha prospettato una possibilità di recupero spermatozoi del 35-40% in casi come il mio dove al primo intervento è emerso un arresto maturativo. Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come già dettole dal collega Izzo, forse è bene essere realistici, già fatta una microtese, diagnosi istologica precisa, possibilità di recuperare spermatozoi maturi praticamente un caso su tre con il rischio di dover magari ricorrere a terapie sostitutive per carenza di testosterone.

Bene, prima di prendere una decisione finale, meditare e ridiscutere con il suo andrologo la sua reale situazione clinica.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
anche io sarei dell'idea che le percentuali che le sono state riferite di possibilità di successo dopo una prima microtese infruttuosa e con quel referto istologico siano "alquanto ottimistiche"!