Utente 384XXX
Gentili dottori, porgo qui la mia domanda perchè vorrei alcuni chiarimenti in merito alla mia situazione.
sono una ragazza di 24 anni studentessa e molto sedentaria, che da sempre è un po "paurosa" in merito alle questioni mediche... da circa due mesi, a seguito di una visita cardiologica, sono iniziati i miei problemi di paure...
ho effettuato tale visita per un semplice controllo, ho effettuato un ecocuore e un elettrocardiogramma in tachicardia sinusale a causa della mia agitazione; che si ripresenta sistematicamente quando rivedo i medici.
gli esami entrambi hanno avuto esito positivo e il cardiologo mi ha assicurato della normalità del mio cuore; inoltre per eliminare ogni dubbio ho anche eseguito analisi della tiroide e del surrene... il tutto è risultato normale e la tachicardia quindi secondo il Dott. è dovuta all ansia; perciò mi ha congedato dicendomi di vivere la vita e di fare dello sport
a seguito di ciò purtroppo sono finita al pronto soccorso con una crisi di panico e anche li i medici dopo alcuni esami mi hanno dimessa tranquillizandomi che il cuore stata bene ma che il tutto era dovuto alla mia ansia....un ansia che fino ad allora sono stata sempre in grado di gestire
di nuovo mi reco dal primo medico il quale, ora, mi consiglia di prendere 1/4 di betabloccante per rallentare la frequena cardiaca che logicamente in sua presenza torna ad essere alta.
da qui iniziano i miei dubbi
1) se il tutto è dovuto alla mia ansia per quale motio dovrei prendere un farmaco che agisce sul cuore, incrementando cosi la mia paura di avere problemi reali?
per cui ora nn sto prendendo altro che dei calmanti naturali (valeriana passiflora biancospino) e ho iniziato una terapia psicologica
2) ho notato che la mia frequenza cardiaca a volte cambia in base al mio respiro, e questa cosa a volte mi spaventa, vorrei quindi capire se è normale che il mio cuore batte più veloce quando respiro e rallenta quando butto fuori l'aria...ci tengo a precisare che durante la tachicardia non fa cosi
3) ho notato che in qusto periodo il mio battito a riposo oscilla tra gli 85 e i 95 e me ne preoccupo pensando che non sia normale, perchè quando sono a letto e sono mooolto serena esso scende anche intorno ai 70...la mia paura è che questo battito sempre accellerato possa provocarmi danni al cuore
4)la mia frequenza aumenta spesso dopo i pasti, tanto che sento battete nello stomaco (siamo sui 90/95 al minuto)
5) monitoro spesso la mia pressione che si aggira sui 75\110 (spesso) con oscillazioni fino ad arrivare ad un massimo130\85...ma volte nei momenti di paura pero arriva anche a 140 la massima e rare volte 90 la minima

la mia paura è che il mio battito sia troppo elevato e che questo possa danneggiarmi, e quindi vi chiedo gentilmente di dirmi se è il caso o meno che io faccia altri controlli o se giusto che prenda i betabloccanti, vi ringrazio inoltre se mi deste chiarimenti in merito ai punti trattati.
mi scuso per il "poema" e vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le rispondo in ordine:
1- quella,dose pediatrica di beta bloccante le è stata prescritta perché l,ansia le aumenta la,frequenza cardiaca e questo le da fastidio. Le è stato,prescritto quindi come sintomatico
2 è normale che la,frequenza aumenta e diminuisca durante il,ciclo respiratorio, specie nei giovani come lei è
3-4-5 i suoi valori di frequenza e di pressione sono normalissimi

Aggiungo un sesto punto io: smetta di controllarsi il,polso e la,pressione . Alla,sua età si va in giro, ci si diverte, e magari si trova anche qualcuno che ci faccia battere il cuore per qualcosa di bello.
La,saluto
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo Professore la ringrazio per la celerità...mi sento molto rasserenata.