Utente 429XXX
Gent.mi Medici,

in data 04 giugno 2015 sono stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'asportazione di una formazione nodulare sottocutanea sul collo, in regione mediana. L'intervento si è reso necessario in quanto tale "nodulo" mi causava dolore alla palpazione.

A seguito dell'intervento (eseguito presso una S.C. di Neurochirurgia) è stato eseguito l'esame istologico della lesione, il cui referto è il seguente:

- Notizie cliniche: lesione sottocutanea in sede cervicale, molto dolonte; si tratta verosimilmente di lipoma ma contrae stesso rapporto con un vaso venoso vicino.

- Materiale inviato: lesione sottocutanea cervicale.

- Descrizione macroscopica: Frammento grigio giallo brunastro di mm 9x5x4. (PE)

- Diagnosi: Frammento di tessuto fibroadiposo contenente un vaso venoso trombizzato di 5 mm di diametro.

Secondo la Vs esperienza clinica di cosa potrebbe trattarsi ? C'è pericolo di recidive ?

Preciso inoltre che ad un esame eco-color doppler carotideo, l'angiologo ha rilevato la presenza di altri 2 piccoli noduli nel collo (di natura non precisata).

Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Attilio Leotta
24% attività
16% attualità
12% socialità
LAMEZIA TERME (CZ)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
potrebbe trattarsi di una lesione emangiomatosa
Il referto istologico è solo descrittivo ,manca una conclusione diagnostica.
[#2] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo Dott. Leotta,

innanzi tutto la ringrazio per la sua celere risposta.

A questo punto lei cosa mi consiglia di fare ? Devo richiedere il campione al laboratorio e farlo ri-esaminare presso un altro Istituto di anatomia patologica?

Oppure basta che richiedo copie delle analisi effettuate sul campione (sempre che siano state fatte) ???

[#3] dopo  
Dr. Attilio Leotta
24% attività
16% attualità
12% socialità
LAMEZIA TERME (CZ)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
dovrebbe richiedere al Patologo che ha refertato la sua biopsia maggiori regguagli relativi al materiale esaminato ed un suo eventuale orientamento diagnostico,ove possibile.