Utente 384XXX
Salve. Da sempre soffro di frequenti raffreddori con a volte febbre e mal di gola e naso chiuso. Non ho mai fatto, prima d'ora,una visita specialistica. Circa un mese fa ho notato che premendo all'altezza dello zigomo sx, vicino al naso, mi tira e pulsa la gengiva sopra al dente canino. A seguito di un colpo d'aria, poi, mi sono nuovamente raffreddato ed ho deciso di fare subito una TAC al massiccio facciale e arcata dentale sup.; il referto recita: "totale ingombro a densità relativamente alta del seno mascellare di sx con impegno del canale infundibolo-meatale ed aspetto assottigliato e parz. eroso della parete mediale del seno. Lieve impegno flogistico delle celle etmoidee .." L'otorino che mi ha visitato mi ha diagnosticato una sinusite mascellare sx odontogena; cura con antibiotico per via orale ed antibiotico con aerosol per due cicli (intervallati da una settimana di riposo). Il dentista ha tassativamente escluso una causa odontogena alla base di questa infezione. Oltre ai dolori sullo zigomo però, ho una ptosi alla palpebra sinistra che copre 1/4 di pupilla (questa palpebra ce l'ho da sempre leggermente (ma di poco) più scesa della dx. Preoccupato di ciò mi sono rivolto ad un'oculista che mi ha diagnosticato un edema palpebrale e ptosi, consigliandomi una RMN dell'encefalo senza contrasto e dell'orbita con contrasto (che non ho ancora eseguito). Un altro oculista invece, mi ha detto che ciò è una conseguenza della sinusite e passerà con la cura o eventuale intervento!
Nel frattempo, il primo oculista (visto il mio spavento per un'eventuale infezione dell'orbita) mi ha fatto fare una cura con Rochefin intramuscolo x 7gg. e deltacortene x 7 gg. Ho terminato ieri, ed ho interrotto, per ora, il secondo ciclo prescritto dall'otorino.
Ora sono molto preoccupato per la palpebra che non ritorna al suo posto e in attesa di recarmi da un chirurgo maxillo-facciale vorrei sapere, gentilmente e con urgenza, come mi devo comportare e di cosa si tratta! Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giancarlo Cassani
40% attività
8% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
la patologia sinusale con estrinsecazione alle parti più vicine penso sia di competenza otorinolaringoiatrica come prima istanza.
Per cui le consiglieri di pensare a un intervento, nell'ambito di detta specialità, che potrà drenare e aprire eventuali raccolte infette e polipi.
Occorre una approfondita valutazione con la TAC perchè alle volte l'intervento può anche essere multidisciplinare data la delicatezza della sede.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Egr. Dott. Cassani, la ringrazio per il suo interessamento e per la esaudiente risposta al mio quesito.
Effettivamente, dopo aver notato che si era "addormentata" la zona, anche del naso e sul labbro, mi sono rivolto ad un nuovo "Otorinolarigoiatra" che, dopo aver ascoltato il tutto, mi ha fatto ricoverare in Ospedale. Qui una nuova TAC con metodo di contrasto,ha evidenziato "una presenza di lesione con caratteristiche espansive che occupa interamente il seno mascellare e aggetta nella cavità nasale occupando il meato medio; la lesione mostra densità disomogenea e disomogenea impregnazione dopo contrasto; essa determina focali interruzioni delle parete ossee del seno soprattutto sul versante del pavimento dell'orbita con estrinsicazione a ridosso della porzione peribulbare del m retto inferiore e obliquo inferiore."
Quindi, sono stato sottoposto ad intervento chirurgico di antrostomia media sinistra e biopsia della lesione endosinusale.
Sono stato dimesso questa mattina in attesa di esito della biopsia.
Il chirurgo che mi ha operato (mi trovo in Puglia) ha riferito che il materiale prelevato era alquanto molle e friabile.
Volevo sapere Dottore cosa ne pensa a riguardo e a cosa posso andare incontro.La ringrazio sin da ora per la Sua risposta. Grazie infinite.
[#3] dopo  
Dr. Giancarlo Cassani
40% attività
8% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Ha fato quello che doveva fare.
Naturalmente la parola passa ora alla istologia e non posso azzardare altro. La terapia successiva, se necessaria ,
è condizionata dall'esame in corso.
Cordiali saluti e auguri
[#4] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio Dottore. Sarà mia premura informarla dell'esito che mi verrà comunicato.
Cordiali saluti a Lei. Grazie.
[#5] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera dottore. Ho bisogno di un suo consulto urgente.
Sono ancora in attesa di ricevere l'esito dell'esame istologico.
Ho notato che la palpebra è calata ancora e lateralmente, all'interno, in direzione orecchio, è uscita un'escrescenza.
Sono molto preoccupato. Può darmi qualche indicazione a riguardo.
La ringrazio infinitamente.
[#6] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Egr. dott. CASSANI, l'esito dell'esame istologico è il seguente:
"frammenti di mucosa sinusale con spiccati fenomeni necrotici sede di neoplasia epiteliale scarsamente differenziata a prevalenti aspetti solidi costituita da elementi con nuclei pleomorfi ed ipercromici, con numerose figure mitotiche e con focali aspetti squamosi immerse in uno stroma condromixoide.
Il reperto morfologico ed immunoistochimico è compatibile con carcinoma ex adenoma pleomorfo"
Cosa mi consiglia dottore?
[#7] dopo  
Dr. Giancarlo Cassani
40% attività
8% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
buongiorno,
occorre che sia seguito dalla equipe che lo ha operato , che stabilirà un follow-up
mirato per capire e seguire la evoluzione nel tempo e anche eventuali trattamenti di completamento.
Non si deve trascurare
cordiali saluti