Utente 384XXX
Buon giorno avrei bisognio di un consulto....dopo aver perso la mia bambina ho iniziato a fare una serie di controlli con tampon e urinocultura è anche mio marito....dall''ultimo tampone è risultato che io ho nel tampone sia l''infezione da agalactie che E: Coli mentre nelle urine ho E.Coli , mio marito nello sperma è risultato positivo E. Coli ...il medico curante ci ha prescritto x 10 giorni ripetuto x 3 mesi l'' antibiotico epifloxin 500 mg ora le mie domande sono tante tra cui lei pensa che queste infezioni possono contribuire ad una infertitilita? in oltre il medico curante ci ha detto che possiamo continuare ad avere rapporti visto che la cura la stiamo facendo insieme puo essere? ma queste infezioni sono difficili da debellare? leggendo su internert ho letto che E.coli dipende da problemi intestinali....premettendo che abbiamo un alimentazione abbastanza corretta mi puo dare dei consigli sugli alimenti da evitare è invece gli alimenti da assumere? in fine da uno spermiogramma di 3 mesi fa è risultato che mio marito ha la motilita un po lenta questa infezione puo contribuire a peggiorarli? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettrice,
innanzitutto visto che avete un obiettivo di un figlio è opportuno che lei sia seguita da un ginecologo e suo marito da un andrologo.
Mi sembra poco probabile che l'E. Coli sia responsabile dell'aborto; sarebbe poi importante conoscere la carica batterica (cioè: parliamo di vera infezione, o di semplice contaminazione?). Se c'è una infezione urogenitale in giro solitamente si raccomandano rapporti protetti fino a risoluzione del quadro.
Per questi ed altri aspetti ribadisco che suggerisco sentiate i rispettivi specialisti.
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
grazie Dottore per la risposta immediata.....nella fretta di scrivere penso di aver scritto in maniera errata.....l mia bambina lo persa a 26 settimane per altri motivi non per l'infezione da E. Coli almeno credo,,,,,dopo aver partorito 5 mesi fa ho fatto un tampone è sono risultata positva allo streptococco beta del gruppo B , il ginecologo ha consigliato di fare un spermiocultura ha mio marito per vedere se anche lui avesse qualche infezione ma allora risulto negativo...un mese fa io ho ripetuto i tamponi è sono risultata positiva al E. Coli + Agalactie allora ho fatto ripetere lo spermio cultura a mio marito ed è risultato positivo E.Coli mentre l'urino cultura era negativo....successivamente il medico curante ci ha prescritto per x 10 giorni ripetuto x 3 mesi l'' antibiotico epifloxin 500 mg , giovdi sono stata dal mio ginecologo dove mi ha detto di smetterla di fare cure antibiotiche è di fare solo per 15 giorni ovuli la sera per 3 mesi , lavande per 15 giorni un giorno si è un giorno no è poi mi ha dato degli integratori, mentre mio marito deve continuare la cura antibiotica in oltre mi ha detto che fino a quando mio marito non sara negativo non possiamo pensare ad avere un figlio ...inutile dirvi che cio mi ha portato ad uno sconforto totale ....cmq non riesco a capire perché un dottore mi ha detto che non ci sono prolemi se continuiamo ad avere rapporti mentre il ginecologo mi ha detto di aspettare.....sono stanca di aspettare è di queste infezioni, curo una è ne esce un atra......secondo lei cosa dovrei fare? nello spermio cultua di mio marito non è uscita la carica batterica di E. Coli quind inon so di quanto è,,,,ma secondo la sua esperienza questa è una infezione difficile da debellare? in oltre mi puo dare dei consigli naturali per eliminare E.coli per mio marito è per me? grazie spero di essere stata piu chiara Buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
le ribadisco che lo Specialista per l'uomo è l'Andrologo, non il Ginecologo. Le suggerisco pertanto di rivolgervi direttamente ad un Andrologo.