Utente 362XXX
Buongiorno, vi scrivo per chiedervi un consulto su mio zio. Ha 62 anni, 1,70 per 90 kg (negli ultimi due mesi ha perso circa 5 chili) ed è ex fumatore incallito (prima fumava circa 20 sigarette al giorno, ora ne fuma massimo 4). Colesterolo totale 205 e colesterolo buono 55. È pensionato, ha una vita piuttosto sedentaria ma ogni giorno cammina per circa 6-7 km. Ad aprile si è accorto di soffrire di pressione alta (valori della massima oscillanti tra 140 e 155) e ha iniziato la cura con Coverlam. Ho due domande a tal proposito.
-L'ace inibitore può realmente causare tosse e raucedine come da bugiardino? La tosse è di tipo secco. Sono pochi colpi durante tutta la giornata, notte compresa, ma costanti.
-Assumendo il Coverlam la mattina intorno alle 8, é normale che due ore dopo la pressione massima sia ancora a 155? Solo dopo la camminata si è abbassata a 120.

Inoltre ho anche un'altra domanda. Mio zio, come scritto, é in sovrappeso e ha fumato per tantissimo tempo (e anche se ora ne fuma solo 3-4 al giorno, continua comunque). Questo rende praticamente quasi sicuro che possa andare incontro a un infarto o ad altro problemi cardiovascolari o il fatto che cammini tutti i giorni e che ora abbia comunque leggermente migliorato il suo stile di vita, fa ben sperare sul fatto che possa avere ancora molti anni da vivere? So che non si può sapere ciò con esattezza ma l'idea generale è che se una persona è in sovrappeso e fumatore, vada irrimediabilmente incontro a morte precoce. È realmente cosi?

Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
gli ACE inibitori, come il perindopril che ssume suo zio,in taluni pazienti possono causare tosse stizzosa: beninteso in un Paziente che ha fumato tanto e che si ostina a fumare vanno prima escluse cause organiche di tosse stizzosa.

Il Coverlam, di cui non riporta il dosaggio, è una associazione con il calcio antagonista Amlodipina: tenga presente che per esplicare la massima attività antiipertensiva gli IACE necessitano di 4 settimane abbondanti di terapia.
Per valutare l'andamento della P.A. durante la giornata sarebbe bene applicare un Holter pressorio/24h: siamo in estate ma "necessitats non habet legem"!

Inoltre suo zio deve perdere peso, oltre che bandire il fumo, valutare tutti i fattori di rischio cardiovascolari (colesterolo ecc) programmare ed eseguire un Ecocardiografia color doppler, un Holter ECG/24h, e una prova da sforzo.
Solo con queste indagini si potrà valutare il rischio di IMA ed eventualmente programmare una coronarografia.
Le camminate sono salutari, può continuarle.

Buona domenica.