Utente 326XXX
Salve,
sono un ragazzo di 22 anni e sto da ormai 6 mesi con la mia prima e unica ragazza che abbia mai avuto.
Ho avuto di recente il mio primo rapporto, ma ho sempre riscontrato un problema che non avevo mai avuto.
Non appena indosso il preservativo (non lo facciamo mai senza), dopo massimo una ventina di secondi sento il bisogno impellente di eiaculare; l'unico modo per controllarmi è fermarmi del tutto, ma non appena ricomincio, il bisogno è immediato e non posso farne a meno. Fino ad ora i rapporti che abbiamo avuto si contano sulla punta delle dita (circa 5, tutti con preservativo), e non c'è stata una volta in cui non si sia presentato questo problema. È alquanto frustrante, dato che è una limitazione vera e propria per entrambi (è praticamente come se non lo facessimo, dato che devo subito fermarmi − anche se in genere non ne sento il bisogno, perché sento che potrei comunque continuare − per cambiare il preservativo); tuttavia, ho notato che quando lei mi masturbava prima che avessimo il nostro primo rapporto, non avevo questo problema (varie volte c'è voluto anche più di mezz'ora per eiaculare). Ma appena indosso il preservativo e appena provo a penetrarla, è come se superassi in un attimo il punto di non ritorno, perdendo completamente il controllo. Invece la seconda volta di fila riesco a durare già circa 5 minuti, che è comunque poco, ma lo reputo ancora accettabile. In passato avevo provato varie volte a masturbarmi da solo con il preservativo, e mi è capitata la stessa cosa ma solo un paio di volte, mentre altre volte non c'è stato questo tipo di problema.
Per ora abbiamo sempre usato preservativi classici, nulla di particolare.

Da piccolo mi è stato diagnosticato il frenulo breve, e una lieve forma di varicocele.

Vorrei sapere cosa ne pensate a riguardo, se si può trattare di un problema fisico o se è solamente un fatto mentale (e eventuali consigli per come provare a risolverlo).

In ogni caso, sto per prendere appuntamento da un andrologo.

Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
in genere il profilattico fa il contrario. Detto questo intensifichi i rapporti, che con quella frequenza tutti sarebbero precoci, profilattico o non profilattico. Se il problema persiste senta bravo collega.
[#2] dopo  
Utente 326XXX

Iscritto dal 2013
Visto che come ho scritto abbiamo iniziato a farlo da meno di un mese, la frequenza è in media una volta a settimana. I 5 rapporti di cui ho parlato non erano distribuiti nell'arco di questi 6 mesi, ma solo dell'ultimo mese.
In ogni caso, lei crede che aumentando ulteriormente la frequenza la situazione potrebbe migliorare?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
forse. ma da vedere