Utente 385XXX
Buona sera dottori,
è un po che vi seguo e leggo molti vostri consigli.
Vorrei esporvi la mia situazione: è un anno circa che ho subito un intervento di circoncisione totale con frenuloctomia, da allora e da quando ho iniziato ad avere rapporti sessuali soffro spessissimo di eiaculazione precoce nonostante io abbia letto che questo intervento vada a migliorare la situazione eiaculatoria...
Io prima dell'intervento avevo un eiaculazione molto tardiva ed ora purtroppo mi ritrovo con questo problema che non so come risolvere... ho provato preservativi con lidocaina ma non ho trovato benefici... l'unico prodotto che forse mi ha aiutato un po è lo spray Taur ma per il resto niente da fare ho provato anche a fare gli esercizi di kegel (non so se fatti correttamente ) ma nemmeno ha funzionato anzi ho notato problemi di stitichezza.
Cosa pensate sia dovuto il mio problema come posso risolverlo... premetto che il 90% delle volte soffro di questo problema anche se ho eiaculato prima di avere un rapporto... alcune volte raramente invece mi capita di non avere nessun problema nel rapporto... penso di non soffrire di ansie anche perchè prima dell operazione non arrivavo mai avevo il problema contrario...
Speri qualcuno possa aiutarmi.
SALUTI E GRAZIE IN ANTICIPO

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le soluzioni empiriche non sempre garantiscono il miglioramento dei tempi eiaculatori ma il dato che sottolinea come la eiaculazione precoce sia secondaria e non sempre presente,deve tranquillizzare.Effettivamente, la circoncisione,il più delle volte,ritarda i tempi eiaculatori ma,considerando che la vita sessuale é mutevolmente condizionata da vari fattori,intrinseci ed esterni (posizioni,partner ,frequenza dei rapporti etc.),la necessità di consultare un esperto andrologo e condividere con lui un progetto terapeutico,diventa ineludibile per ridimensionare e risolvere il disagio sessuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille della risposta...
Io sono convinto che è una conseguenza dell'intervento anche perchè prima di allora il mio glande anche durante l'atto sessuale era quasi sempre e totalmente coperto...
Spero di riuscire ad uscirne e magari grazie anche ai suoi consigli vedrò di rivolgermi ad un andrologo.

Saluti