Utente 385XXX
Buongiorno,
ogni tanto al mio fidanzato capita durante un rapporto di non riuscire ad arrivare al’eiaculazione, mentre con la masturbazione non ha problemi.
Lui ovviamente vive la situazione con disagio, preoccupazione e rabbia, nella sua vita in questi ultimi mesi ci sono stati dei cambiamenti che gli hanno portato un po’ di stress, l’episodio si e verificato circa 4 volte in 5 mesi.
nonostante la cosa lo preoccupi al momento non vuole consultare un il medico, quindi vorrei sapere come aiutarlo…e cosa consigliargli anche per evitare che il fatto diventi più frequente e di conseguenza più grande il problema.
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
il suo fidanzato non deve vincere la paura del medico, ma quella dello psicologo che il problema è puramente psicologico. Lei non deve e non può fare nulla.
[#2] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera Dr. Cavalli,
inanzi tutto la ringrazio per avermi risposto, non avendo messo il mio nome giustamente lei ha dato per scontato che io fossi una donna.. siamo una coppia Gay.
la mia richiesta su che consiglio posso dare.. e data dal fatto che tra un episodio e l'altro di mancata eiaculazione ci sono rapporti normali, mi chiedevo se era già il caso di consigliargli di andate da uno specialista.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il consiglio di psicologo vale lo stesso.
[#4] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
grazie mille
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungi qualche nota a quelle già ricevute.

Provi a leggere questa lettura, troverà parecchi spunti di riflessione.

L'e.r, eiaculazione ritardata ha vari gradi di gravità - dal ritardo dell'eiaculazione, fino alla sua totale assenza/anorgasmia/infertilità - ed effettuata una valutazione andrologica, la sua risoluzione è psicologica o psico/sessuologica.

L'aspetto diagnostico è di fondamentale importanza per stabilire poi il protocollo terapeutico più adatto al paziente.

L'e.r può essere:
primaria,
secondaria,
situazionale,
assoluta,
parziale......

Puó Correlare con:
quote d'ansia,
con educazione rigida, sessuofobica e cattolica,
con un'orientamento sessuale non chiaro,
con nuclei fobici,
con dinamiche di coppia ambivalenti e così via......

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1600-eiaculazione-ritardata-piacere-tarda-ad-arrivare.html