Utente 358XXX
Buongiorno, questa mattina, con particolare felicità mi sono recato al centro trasfusioni per effettuare la mia prima donazione di sangue! Un po prima della fine della donazione ho iniziato ad avvertire giramenti di testa e subito dopo parestesie agli arti!
Mi hanno portato al pronto soccorso e nel giro di pochi minuti le parestesie si facevano sempre più forti fino a raggiungere anche l'addome e raggiungerà la sensazione strana di totale irrigidenti del corpo (mi sentivo quasi paralizzato)! Infine mi hanno dato un ansiolitico e tutti i sintomi sopra sono terminati! Così sono tornato al centro trasfusionale e mi hanno detto che, per questo attacco di panico (così vedo scritto nel referto), non posso più donare perché sarebbe pericoloso per me!
Vorrei sapere a quali rischi andrei incontro è un vostro parere sulla vicenda!

Saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
se si è trattato di un attacco di panico tenderà a ripetersi ogni volta che si recherà al centro trasfusionale, per cui signorilmente si sono scaricati di un donatore "fastidioso".
Probabilmente si è trattato di un calo pressorio con ipoperfusione cerebrale dovuto alla riduzione del volume circolante che ha scatenato l'attacco, complice anche il caldo che stiamo avendo in questi giorni.
La prova ex juvantibus l'ha avuta con la scomparsa della sintomatologia dopo la somministrazione di un banalissimo ansiolitico.
Comunque esegua un emocromo e gli elettroliti, d'accordo con il Curante: se sono normali archivi l'episodio e non ci pensi più.

Non vi sono pericoli per la sua salute attualmente: veda di non nevrotizzarsi.

Cordiali saluti.


[#2] dopo  


dal 2016
Grazie Dottore, mi sarebbe davvero dispiaciuto non donare più.

Saluti.