Utente 823XXX
Salve ho trovato questo sito per caso cercando informazioni sul mio malessere. Cercherò di spiegare il mio problema nel modo più dettagliato possibile.
Nel dicembre 1998 sono stato operato ad un'ernia inguinale sx con l'apposizione della cosidetta "retina". Non ho avuto nessun problema fino a poco tempo fa; l'unica cosa degna di nota è il senso di bruciore nella zona operata che mi capitava a volte quando avevo un amplesso (questa cosa non capitava sempre, ma solo in rare circostanze). E arriviamo ad oggi, quasi 10 anni dopo. Da un giorno all'altro mi comincia il dolore al testicolo sx che mi ha fatto subito pensare al varicocele, ipotesi scongiurata dalla visita di un urologo che mi ha detto che tutto è "a posto" e mi ha consigliato di prendere Aulin per qualche giorno (cosa che ho fatto). Il dolore poi dal testicolo se n'è andato arrivando alla zona inguinale. Il dolore che ho da circa 5 giorni è proprio quel senso di bruciore di cui parlavo prima, che parte precisamente dalla cicatrice dell'operazione all'ernia e si propaga su tutta la zona inguinale, fino a toccare anche la parte prossimale della coscia. Il senso di "bruciore" è inoltre accompagnato da un senso di "addormentamento" (scusate ma non so come descriverlo) di tutta la zona, che ho sempre avuto ma non così esteso (si limitava solamente alla zona cicatriziale) come se mi fosse stata fatta un'anestesia ma che mi lascia comunque sentire un bruciore fastidiosissimo.
Ho effettuato anche una visita chirurgica ma di ernie nemmeno l'ombra.
Qualcuno mi ha anche parlato di pubalgia, ma i sintomi mi sembrano molto diversi da quelli che avverto io.
Premesso che gioco a calcio e che sono a riposo da circa 2 settimane ma non è cambiato niente, e premesso che sulla cicatrice c'è da 4-5 giorni una parte arrossata (1 cm quadrato) rispetto al bianco della cicatrice,
La mia domanda è questa: quali visite posso fare per riuscire a capire cosa sta succedendo? Ecografia? Ecodoppler dei vasi spermatici?
Può essere qualcosa riguardante la retina che mi è stata messa ai tempi dell'operazione?
Grazie mille per le eventuali risposte, spero di ricecere qualche buon consiglio perchè non riesco più a vivere con questo fastidio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Pensare ad una sequela postoperatoria a 10 anni dall'intervento mi sembra sinceramente improponibile. Tuttavia l'alterazione della cicatrice che descrive andrebbe rivalutata eventualmente con esame ecografico.
Tenga presente che la regione inguinocrurale rappresenta un territorio di irradiazione delle sintomatologie provenienti dalle più svariate affezioni degli apparati urogenitale e muscoloscheletrico.
[#2] dopo  
Utente 823XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta tempestiva dott. Piscitelli.
Si in effetti 10 anni mi sembrano troppi per dire che l'operazione c'entri qualcosa con questo problema. Seguirò il suo consiglio, farò un'ecografia alla zona inguinale e un'altra visita urologica, poi le dirò se ci sono novità, sperando che siano positive. Nel frattempo se vuole aggiungere qualunque consiglio io,se possibile, lo seguirò.
Grazie di nuovo e buon lavoro.