Utente 381XXX
Buonasera, all'età di tre anni sono stata operata di ernia inguinale in entrambi i lati. Volevo sapere se potrebbe essere un problema per un parto naturale o un eventuale parto cesareo in quanto le cicatrici sarebbero vicine. Vorrei sapere le eventuali differenze e se ci potrebbero essere problemi, anche per quanto riguarda le spinte durante il parto naturale, oppure posso stare tranquilla dato che dall'operazione dell'ernia sono passati più di 20 anni.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
16% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente , stia molto tranquilla in quanto l'intervento di plastica erniaria inguinale bilaterale,peraltro eseguito più di 20 orsono, di per se stesso non influenza assolutamente la scelta se fare un parto naturale o cesareo .
Considerando poi che il parto naturale , attraverso la spinta del torchio addomino-pelvico , già di per se tende ad indebolire le regioni erniarie più comuni ( tipo reg. ombelicale , inguinale e crurale dx e sin.) favorirendo la formazione dell'ernia in tali sedi, nel suo caso potrebbe esporla, soprattutto se non si sono utilizzate nella plastica inguinale le reti protesiche, ad un maggior rischio di recidiva di ernia inguinale .Ciò non deve essere però l'unico motivo di scelta del parto cesareo a scapito del naturale.
Allo stesso modo la presenza delle cicatrici a dx e a sin. del pregresso intervento , per quanto sarebbero vicine, non creerebbero alcun problema per la buona riuscita di un eventuale parto cesareo.
Pertanto le ribadisco di stare molto tranquilla .
Disponibile per ulteriori chiarimenti invio distinti saluti.