Utente 293XXX
Gentili Dottori
Dall'età di 16 anni ho sofferto di sporadiche crisi di tachicardia sopraventricolare (una l'ho beccata con ecg in ospedale tanti anni fa e da allora mi è stato detto: o la tieni e quando viene aspetti che passa, oppure ti fai l'ablazione.
Ultimamente queste crisi non sono più capitate e se capitate massimo di 30 secondi e un minuto (qualche anno fa, da qualche anno non ho una crisi).
Premesso che da quando faccio sport regolarmente (semi agonistico), potrebbe essere che vista la frequenza cardiaca a riposo piu bassa e il fatto che non fumi piu sigarette e bevo meno caffe e vita piu sana, la tachicardia si sia ridotta per questo?
Inoltre pensate che sia solo questa tachicardia di cui soffro o possono essere che altri tipi di tachicardie... mi spiego meglio... basta un ecg durante la crisi a capire che poi tutte le altre crisi sono le stesse?? non possono esserci altre aritmie contemporaneamente magari piu gravi? Si puo vivere anche senza ablazione?
Sperando che possiate fugare tutti i miei dubbi vi saluo e vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
qualunque sia il tipo di aritmia della quale soffre, essendo sopraventricolare, è benigna.....
ma l'ablazione è una terapia curativa, in grado di eliminare completamente il problema e, in mani esperte, è priva di rischi.
Tenga presente che anche una forma benigna in un'età più avanzata, può comportare dei rischi importanti...
Non si faccia guidare dalla paura e valuti l'opportunità di fare la procedura serenamente in un Centro qualificato.
Cordialmente