Utente 372XXX
Buon giorno, la settimana prossima dovrò eseguire un intervento di riduzione con laser terapia dei turbinati e biopsia alle adenoidi, in anestesia locale e sedazione con propofol. Mi chiedo è necessaria la sezione profonda? Io volevo essere cosciente, stordita magari si, ma se è un intervento indolore perché la necessità di questa sedazione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La sedazione profonda è consigliabile in quanto anche se non si sente dolore dopo la locale, la locale stessa e l'intervento possono risultare fastidiosi per altri versi. Il paziente non tranquillo può manifestare disturbi di tipo cardiocircolatorio (ipertensione, tachicardia etc..), e un sanguinamento aumentato che può rendere più indaginoso e lungo l'intervento.
Comunque lei ne parli col suo anestesista in quanto, se lei nonostante tutto, non la vuole effettuare non vi può essere costretta: ricordi che deve firmare un consenso informato prima di accedere alla Sala operatoria.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la celere risposta, è possibile, secondo il suo parere per questo tipo d'intervento, fare una sedazione diversa? Dove rimango cosciente ma tranquilla. Quando ero piccola mi hanno fatto un'intervento e il perdere i sensi lo ricordo come se fosse ieri. Nel caso in cui durante l'intervento io abbia fastidio, e a quel punto io stessa vorrei essere sedata, l'anestesista lo può fare?
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, ogni decisione in merito all'anestesia/sedazione più o meno cosciente compete all'anestesista che deve poi praticarla e che se ne assume la responsabilità. Pertanto è con il collega che deve parlare dei suoi desideri e timori e sempre con lui deve trovare la soluzione che le consenta di essere operata nel massimo confort e senza correre rischi. Personalmente io non sono favorevole, ove si possa decidere prima, a cominciare in un modo per poi cambiare rotta, oltre tutto ci sono dei risvolti di pericolosità ( a mio avviso naturalmente).
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dott.ssa ma eventualmente alla mia richiesta l'anestesista può soddisfarla dandomi un dandomi un sedativo diverso tipo il Valium? Il mio timore non è tanto essere inconsciente ma la velocità con cui avverrebbe la cosa, con il propofol sarebbe immediata, ed è una sensazione che ho provato e non mi piace. L'anestesista stesso può rifiutarsi perché da protocollo per questo tipo d'intervento loro utilizzano questo tipo di farmaco e quindi non può essere cambiato. Non capisco la necessità di una sedazione profonda quando una cura canalare mi sembra forse più fastifiosa e viene fatta solo in anestesia locale.
[#5] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona sera, premesso che la soglia di tolleranza è un fatto individuale e pertanto quello che per me è intollerabile per lei potrebbe essere tollerabilissimo, il paragone tra il suo intervento ed una cura canalare è diciamo azzardato, in quanto sono due cose diversissime ed imparagonabili.
Comunque le ripeto che deve parlarne col suo anestesista che cercherà di aiutarla sicuramente almeno entro i limiti di sicurezza.
Saluti.