Utente 824XXX
buongiorno a tutti ,vi ringrazio preventivamnte per ogni tipo di aiuto che saprete darmi.

vi espongo il mio problema :

premessa:
sono un ragazzo di 30 anni,molto sicuro di se, ho sempre avuto una attivita sessuale eccellente,con tante ragazze ma sopratutto ho sempre avuto la fortuna (se cosi si puo definire) di avere rapporti sessuali lunghi e soddisfacenti per entrambi , per lunghi e soddisfacenti intendo dire che un rapporto durava in media un ora e mezzo....in alcuni casi superava le 2 ore e tutto cio con una erezione presso che perfetta ( poteva essereci un calo dell erezione del 10% dopo un ora di rapporto), e tutto cio in alcuni casi succedeva anche per 3 volte al giorno.insomma anche piu di quanto avvessi potuto chiedere.e tutto cio era supportato da un desiderio,appetito sessuale enorme , basti pensare che se stavo per 3-4 giorni senza avere rapporti o praticare la masturbazione mi sentivo impazzire.

sintomi negli ultimi 6 mesi:
Ma qualcosa è cambiato negli ultimi 6 mesi , a marzo per la prima volta in vita mia mi è capitato di passare una intera giornata nel letto con una ragazza (dalla quale ero davvero attrato) senza riuscire ad avere alcune erezione, la cosa mi ha fatto pensare e mi ha messo un po a disaggio ma gia dal giorno dopo tutto era a posto.
in realta nei mesi seguenti ho iniziato piano piano ad avere sempre piu problemi , la mia erezione durava sempre meno o comunque perdevo il 40-50% dell erezione dopo 30 -40 minuti.

ho pensato che fosse lo stess che ho accumulato negli ultimi 12-18 mesi a causa del mio lavoro di grande resposabilita e stanchezza fisica dovuta al tantissimo sport che faccio quindi non me ne sono preoccupato piu di tanto ,fino a che 2 mesi fa mi sono innamorato di una ragazza la quale è molto esigente dal punto di vista sessuale( ha sempre molta molta voglia) e questo non ha fatto altro che aumnetare le mie ansie, e ora mi trovo un po in un circolo vizioso dal quale non riesco ad uscire ( da qui la domanda calo desiderio sessuale e quindi calo erezione OPPURE problemi di erezione allora calo desiderio sessuale??!!??)

la situazione attuale ( negli ultimi 2 mesi) è che sto perdendo tanto desiderio sessuale, alcune volte (raramente) ne ho , altre per niente, ma anche quando non ne ho quasi per niente e la mia ragazza mi stimola con rapporti orali e inizio a riavvertire un po di desiderio e inziamo un rapporto sessuale nel quale il piu dele volte dopo 20 min perdo parte dell'erezione per poi perderla totalmnte dopo altri 10 minuti, riesco a ritardare di poco la perdita dell erezione se mi dedico a fantasie che mi eccitano di piu ...e comunque se non applica la penetrazione per 1 minuto perdo immediatamte l erezione.

la cosa strana che è che queste situazioni sono molto altalenanti per esempio la scorsa settimana sono riuscito ad avere un rapprto quasi ai livelli dei vecchi tempi ...ma rimane il fatto che in questi giorni il mio desiderio sessuale è quasi nullo! ( voglio specificare che sono sicuro al 100% che 6 mesi fa la mia ragazza attuale mi avrebbe eccittato solo alla sola visione per la sua sessualita e bellezza!)

All'inizio di questo problema ho pensato che fosse solo una cosa di testa ,mi spiego : poco prima che inziasse questo problema ho frequentato una ragazza con cui sono riuscito ad appagare per la prima volta in vita mia quasi tutte le mie fantasie piu recondite..e quindi mi ha portato a livelli di eccitazione mentale mai visti in vita mia , quindi la mia idea iniziale era che non trovavo piu grandi stimoli nel sesso classico ,e che dovevo solo aspettare un po ,stare un po a digiuno di sesso che certamnete mi sarebbe tornato piu forte di prima , del resto fino a sei mesi fa (come gia detto ) dopo solo 3-4 giorni senza avere raporti sentivo un desiderio talmente forte quasi da non contenerlo...


a questo punto la mia domanda è se c'è qualcosa in me che non va , io ho la sensazione che ci sia qualcosa a livello ormonale che non vada perche se fosse a livello di circolazione non mi capiterebbe ogni tanto di raggiungere il 100% del erezione per 10 min!(questa è la mia idea), ma sopratutto avrei voglia ,come è sempre accaduto di masturbarmi , invece sono ben 3 mesi che non mi masturbo (mai capitato in vita mia!!)
Quindi pensavo e penso che questo calo del desiderio stia caratterizzando anche l'erezione.
ho fatto delle analisi prescritte da un andrologo che sembra non abbiano dato alcuna spiegazione .
(riporto e analisi fatte :
EMATOLOGIA : emocormo completo tutto bene solo il valore PCT vicino la soglia minima 7.5 .
GLICEMIA,azoteia creatinina transaminasi oss. e piruvica ,colesterolo,trigliceridi,proteine. TUTTO NEI VALORI !!
ELETTROFORESI SIEROPROTEICA : solo il valore BETA2% sopra i valori di norma 7.0 !!!
TSH 2,15 nella norma
TESTOSTERONE : 4.06 nella norma ma vicino alla soglia minima POTREBBE ESSERE QUESTO UN RISULTATO INDICATIVO ?? NON é TROPPO BASSO?
ESAME DELLE URINE :tutto ok
sedimeto: nulla
LIQUIDO SEMINALE ESAME CULTURALE : assenza di crescita batterica.

lo stesso andrologo orami ha prescritto un esame :
ECOCOLORDOPPLER PENENO basale e dinamico(con test farmacologico PGE1)
per vedere se ci dovessere essere problemi di circolazione.

ma ripeto che la mia sensazione interiore è che io non abbia stimoli al livello ormonale per avere e mantenere un livello di ecitazione tale che giustifichi uan erezione come succedeva 6 mesi fa .

le mie domande:
1)sono venuto a conoscenza sul vostro sito del TESTOSTERONE LIBERO ,perche il mio andrologo non mi ha fatto fare il test per deterinare anche quello? senbra essere importante! lo devo fare?

2) che altri analisi potrei fare a livello ormonale e non ??

3)testosterone 4.06 (valori 2.80-11.10) non è poco per una ragazzo a 30 anni ??

4) farmaci naturali e non che potrebbero aiutarmi a rialzare il mio livello di desiderio? ora sto facendo il secondo ciclo di ANDROVIR 2 pasticche a giorno per 15 gg

5)farmaci per aumentare gli ormoni che scatenano i desiderio sessuale in un uomo?

6)dovrei forse consultare un altro andrologo piu competente?

vi prego di rispondermi questa situzione oltre a portare me in uno stato di ansia e frustrazione , rischia di rovinare il rapporto con questa ragazza che amo che potrebbe essere la donna della mia vita!

vi ringrazio , mi scuso se mi sono proungato troppo ma ho preferito esporre tutto quello che potrebbe essere necessario per un vostro giudizio in merito.

saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
la sua lunga e dettagliata lettera con i dati clinici che ci fornisce fanno pensare ad una situazione dovuta principalmente ad un problema psicologico , relazionale , conseguente ad una forte ansia da prestazione che, in questi ultimi mesi, si è autoalimentata e autoipertrofizzata. Il testosterone dosato non è "alto" ma sempre ,in questi casi di "stress psicologico" questo ormone tende ad abbassarsi e le informazioni che ci potrebbe dare la frazione libera potrebbero essere poco significative. Comunque, a questo punto, segua tutte le indicazioni che le ha dato il suo andrologo. Insieme a questo approccio terapeutico poi io penserei anche a valutare l'opportunità di consultare anche un psicoterapeuta esperto in questo tipo di problemi sessuali .
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

sicuramente lei sta vivendo il suo problema di disagio sessuale in maniera abbastanza "importante".
E' corretto cercare di vedere se a questo problema possano contribuire anche fattori fisici organici ( circolatori, ormonali, metabolici).
Vedo un cero contrasto tra il non aver effettuato il dosaggio del testosterone Libero e la terapia con Androvir2 (prescritta dallo stesso specialista?) che non mi risulta essere un farmaco.
Cari saluti


[#3] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Dottori

prima di tutto grazie per le vostre risposte e per la vostra disponibilità.

l'andrologo che mi ha prescritto queste analisi è lo stesso che mi ha consignato di prender l'integratore ANDROVIR , questo integratore dovrebbe aiutare a riacquisire un po di deiderio sessuale ed energia grazie ai sui composti un po dedicati .

Gentile Dottore Pozza lei cosa pensa , dovrei fare altre analisi per vedere il dosaggio di TESTOSTERONE LIBERO??
e quali altre analisi mi consiglia di eseguire per avere un visione clinica completa?? ho letto di alcune analisi come FSH ,LH , SHBG,PROLATTINA, EMOCROMO , PSA ...... quali di questi o quali ulteriori anaisi sarebbe giusto controllare??

vi ringrazio di nuovo enormemente per l'aiuto che riuscite a dare!

saluti
[#4] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
scusate ho dimenticato di dire 2 cose molto diverse tra loro che non so se possono essere rilevanti per la diagnosi.
1)a fine dicembre 2007 (circa 3-4 mesi prima che iniziasse il fenomeno,il problema) facendo sport ho subito un forte trauma celebrale con conseguente amnesia anterograda di 20 minuti,tuttora non ho osservato su me stesso nessun tipo di problema che possa essere stato provocato da tale trauma.

2)nelle ultime settimane ho notato che lo sperma è molto denso,si puo notare addirittura qualche pezzetto quasi con la densità simile a quella della marmellata.non mi era mai capitato in vita mia.
E' una cosa normale?? se SI o se NO , posso sapere perche ciò accade ??

grazie ancora

cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
volevo solo specificare che la densita dello sperma è stata notata anche in eiaculazioni ravvicinate, anche nella seconda iaculazione nel giro di 5-7 ore dalla prima! e comunque non è mai stata cosi densa neanche dopo giorni di mancanza di eiaculazione.

saluti
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
le rispondo confermando i miei sospetti iniziali che in parte possono giustificare la terapia data dal collega andrologo da lei consultato. Comunque a questo punto lo riconsulti anche alle luce degli ultimi dati clinici che ci ha indicato e con lui ridiscuta sulla eventuale necessità di approfondire il suo problema clinico ed eventualmente chiedere un supporto psicologico.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com