Utente 417XXX
buongiorno,
ho 45 anni e da febbraio di quest'anno sono a dieta pesavo 95,5 kg ed ora sono sceso a 81kg. prima prendevo pastiglia per la pressione ma dopo visita cardiologica mi è stato consigliato di eliminarla in quanto diminuendo di peso si è regolarizzata.
ora ho un altro problema accuso da tempo oramai una forte stanchezza astenia spossatezza che mi limita tantissimo le uscite a piedi. Una ficacca così forte che mi sta preoccupando, anche perché oltre a non avere forza nei muscoli mi si affievolisce anche la voce e la concentrazione. Questo affaticamento m fa andare nel panico. non sono ancora andato dal medico di famiglia che, a giorni, sicuramente ci andrò per farmi prescrivere gli esami del caso.
gli ultimi esami del sangue sembrano andar bene addirittura il colesterole da 240 è sceso a 178, la glicemia basale è di 98 e dopo curva da carico è scesa a 78.
anche quelli della tiroide vanno bene tranne l'eco che ha riscontrato due modulini.
Penso che iniziando questa dieta sia andato in carenza di qualcosa che mi fa sentire così male. Eppure sono in cura presso l'ospedale Niguarda di Milano, quindi è una dieta mirata fatta tramite esami della calorimetria e impedenziometria, con il calcolo giusto delle calorie da assumere.
Addirittura le gambe sono così stanche che mi fanno male.
Faccio uno sforzo esagerato per reggermi in piedi. Ho limitato le mie uscite a piedi.
Gradirei che qualcuno mi dicesse quali esami da fare per poter verificare questa astenia costante ed escludere patologie strane. Non ce la faccio più ho timore di avere qualcosa di grave, Sono molto preoccupato.
Nell'attesa di un Vostro riscontro, porgo i miei più cordiali saluti.

Michele.
[#1] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale
24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Da quanto Lei riferisce la dieta, elaborata in maniera personalizzata da persone competenti, le avrebbe determinato solo esiti positivi. Ogni due mesi però si deve valutare il suo impatto sui parametri metabolico- nutrizionali., nelle fasi iniziali. Si faccia visitare dal suo medico curante, per valutare in serena obiettività la sua situazione