Utente 387XXX
Ho una bimba di 12anni risultata allergica agli acari della polvere. Abbiamo fatto vaccino sublinguale ( purtroppo interrotto prima dei tre anni di cura perché mal consigliati), usiamo i vari accorgimenti per l'igiene del letto e casa, ma se l'asma sembra andare meglio rispetto al passato ( ora stiamo usando il fluspiral per rafforzamento bronchi), è da questo inverno che ha naso chiuso senza secrezione.
Qualche volta si alza con occhietto rosso che poi durante la giornata scompare.
È una forma di rinite?
Il mio allergolo mi aveva detto di usare dymista spray che però mia figlia non gradisce particolarmente, ieri mi ha dato rinelon spray. Gli ho chiesto se fosse il caso di usare anche un antistaminico e lui mi ha risposto che prima proviamo con questo e poi forse con l'antistaminico.
Le mie domande: è giusto secondo lei tenere fuori l'antistaminico?
Ho letto che i cortisonici possono bloccare la crescita se assunti per un lungo periodo: che si intende per periodo lungo? Gli antistaminici possono avere stesse conseguenze?
Mia figlia ha preso per diversi mesi Aerius sciroppo, dato dal pediadra che invece mi dice di darglielo ancora associato allo spray. Aerius e rinelon possono essere dati contemporaneamente? Se si per quanto tempo?
Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Se si tratta di una forma allergica è utile somministrare l'antistaminico che allevia i disturbi. I sintomi nasali rispondono soprattutto al cortisonico per via nasale. Questo farmaco non dà problemi sistemici perché non viene assorbito quindi non incide sulla crescita.
Si assumono generalmente entrambi i farmaci anche per tanti mesi o anni senza interruzione.
cordiali saluti