Utente 973XXX
salve
durante quasi tutto il mese di dicembre ho avvertito, principalmente dopo i rapporti sessuali ma a volte anche in altri momenti della giornata, dolori all'interno dello scroto, a sinistra, ma non sui testicoli. ho preso appuntamento con un urologo che mi ha prescritto i seguenti esami: spermiocoltura + antibiogramma ed ecografia testicolare.
le riporto i risultati:

1) Ecotomografia scrotale:

L'esplorazione ecotomografica della regione scrotale, visualizza DIDIMI in sede, di volume normale, a contorni ben definiti e morfologia regolare.
L'ecostruttura è omogenea e apparentemente indenne da lesioni focali.
Morfometria: sn: 12.31 ml - a dx: 15.96
Regolare la morfologia e l'ecostruttura degli EPIDIDIMI, ad eccezione della presenza a livello della coda di destra di una piccola formazione cistica delle dimensioni di 6x5 mm.
Ectasia del Plesso Venoso Pampiniforme di sinistra, che si accentua con le manovre funzionali.
Tale quadro ecografico è compatibile con la presenza di un varicocele di 3 grado.
Non versamenti liquidi reattivi.
Nella norma lo spessore delle borse scrotali.

2) Spermiocoltura: risultato negativo

durante l'ecografia, il medico mi ha detto che avrei dovuto forse fare uno spermiogramma per capire se bisogna operare o meno. per anticipare i tempi vorrei sapere se è necessario eseguire questo esame da portare all'urologo. mi interesserebbe sapere inoltre sapere se da questi primi due esami si possono già trarre delle conclusioni riguardo ad u aprobabile patologia o ad un eventuale intervento. tengo a precisare che nel frattempo i dolori non sono più comparsi.
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Lei è affetto da una condizione di varicocele sinistro di III grado. L'esame del liquido seminale è davvero indispensabile per avvalorare o meno qualsiasi strategia terapeutica. L'indicazione chirurgica alla correzione di un varicocele viene basata su due fattori essenziali: 1) alterazioni evidenti del liquido seminale (oligo-asteno-teratozoospermia); 2) sintomatologia dolorosa locoregionale. Direi che quindi la cosa migliore da fare sia attendere l'esito dello spermiogramma per fare il punto della situazione. Il non sottoporsi all'intervento ovviamente implica un attento controllo periodico sia del varicocele (ecocolorDoppler) che della fertilità (spermiogrammi).
Auguri affettuosi per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2006
la ringrazio della risposta e le trascrivo i risultati dello spermiogramma per avere un suo parere prima di sottopormi alla seconda visita specialistica. tengo a precisare che il fastidio che avevo all'interno dello scroto, a sinistra, non il testicolo, non si è più manifestato:

caratteri fisici:
quantità 3.10
colore avorio
aspetto torbido
fluidificazione completa
viscosità nella norma
ph 7.10

caratteri microscopici:

esame a fresco --> frequenti cellule testicolari, rari leucociti e sferule di grasso. rare zone di spermioagglutinazione

concentrazione --> 20 milioni/ml
densità --> 1040.00

motilità dopo 120 min:
motilità progressiva totale --> 42.00%
motilità progressiva rapida --> 16.00%
motilità progressiva lenta --> 15.00%
motilità in situ --> 14.00%
immobili --> 58.00%

esame morfologico:
forme tipiche --> 78.00

forme atipiche: 22.00
anomalie della testa --> 7.00
anomalie del tratto intermedio -->
anomalie della coda --> 7.00

note:
lieve oligozoospermia, modesta bradicinesi

in attesa di una sua nuova risposta, colgo l'occasione per ringraziarla e porgerle distinti saluti
[#3] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2006
dimenticavo:
il prelievo è stato eseguito dopo 3 giorni di astinenza