Utente 335XXX
Buonasera sono una ragazza di 28 anni 29 a breve. Premetto che prendo 3 farmaci. un quarto di pastiglia di seloken da 100mg la mattina appena sveglia, perché mi sveglio con una forte tachicardia e solo con la pastiglia mi passa e sto bene tutto il giorno. Se non la prendo la tachicardia mi dura tutto il giorno impedendomi di fare qualsiasi attività. Mi hanno fatto più volte ecocardiogrammi dicendomi sempre che è tutto a posto. Poi prendo Anafranil e Seroquel (per attacchi di panico e depressione, disturbi che mi sono passati dall'assunzione dei farmaci ossia 3/4 anni fa).Vorrei porre questo post sia a un cardiologo che a un neurologo perché nessuno riesce a darmi una diagnosi.
Circa 3/4 anni a intervalli di periodi in cui dormo tutta la notte senza problemi, mi capita di svegliarmi di colpo nel mezzo di una sudorazione eccessiva, soprattutto sotto le ginocchia, proprio da bagnare il letto. Sento molto calore al braccio sinistro, come se la circolazione si stesse riattivando, stessa cosa a lato sinistro del petto. Ho forti giramenti di testa come se la testa fosse pesantissima quasi da non riuscire a tenerla su. Ho un senso di stordimento generale, il naso tappato sono praticamente in apnea quando mi sveglio. La mia vista è molto disturbata ma non so spiegare la sensazione ci vedo molto male quasi come se vedessi la scia della mano se la muovo. Nel momento in cui mi metto in posizione eretta dopo pochi minuti questi sintomi tendono a passarmi con un tremore generale del corpo. Spesso ho notato quasi una pressione sul collo prima addormentarmi. Comunque spesso non riesco proprio a farmi passare i sintomi e l'unico modo è rimettermi a dormire per almeno 2/3 ore , cosa che succede subito perché come dicevo fatico a tenere su la testa e gli occhi aperti quasi come se perdessi i sensi. A volte durante il risveglio ho anche una forte nausea. Un altra cosa che ho notato è che tutte le volte che mi succede sono passate circa 2 ore dal momento in cui mi sono addormentata. Sono molto spaventata perché nessuno riesce a dirmi cosa mi succede. E' stato ipotizzato un problema neurologico così ho fatto due risonanze una al cervello e una alla zona cervicale ma non è risultato nulla se non un lievissimo abbassamento delle tonsille cerebellari assolutamente non abbastanza da giustificare una sindrome di Arnold Chiari.
A Febbraio in seguito a una forte tachicardia serale mi è stato fatto una ecocardiogramma in ospedale ma anche li tutto ok.

Se può servire nel 2012 mi fù fatto un ecocardiogramma con questo referto :
"Ventricolo Sinistro di normali domensioni, di normali spessori parietali e conservata cinesi globale e segmentaria. EF > 60%.
Atrio sinistro non dilatato.
Radice aortica non dilatata.
Mitrale normoconformata con minimo rigurgito, fisiologico.
Valvola aortica attendibilmente tricuspide, continente.
Sezione destra non dilatata: non segni di ipertensione polmonare.
Pericardio ad arco aortico nei limiti.
Funzione diastolica normale. "

Durante il giorno spesso sento dei doloretti o pesantezza sotto al seno sinistro o spalla e sento pesante il braccio sinistro. ( ma non riesco a essere lucida su questo e dire se sono io a somatizzare). Dovrei fare altri esami cardiologici? Sono molto preoccupata.
Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
la Sua sintomatologia è molto influenzata dalla sindrome ansiosa che tuttavia sta curando e questo le fa onore e le fa bene.
Se la sindrome di A.C. è stata esclusa, tenga conto che un modesto abbassamento delle tonsille cerebellari è un reperto tutt'altro che infrequente in RM: privo di importanza clinica. Ma di questo le daranno spiegazione più dettagliata i Neurologi.
Il suo Ecocardiogramma è perfettamente normale.

In quanto alla sintomatologia cardiologica notturna, chieda al suo Cardiologo o curante se ritenga, come le consiglio, di applicare un Holter ECG/24h, proprio per valutare se vi siano eventi notturni degni di considerazione.

Alla luce del referto dell'Holter, sempre che Lei decida di farlo, si potrà EVENTUALMENTE porre la necessità di approfondimenti o archiviare il caso.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 335XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta, farò sicuramente un esame con l' Holter come da lei suggerito. Mi sono chiesta se possa essere un danneggiamento di un arteria che porta il sangue al cervello , lei lo escluderebbe? Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Si lo escluderei.
Faccia l'Holter se il suo curante è d'accordo!
Buona serata.