Utente 367XXX
Sono un uomo di 54 anni,premetto dicendo che ho perso mio padre all'età di 73 anni per un'aneurisma dissecante dell'aorta toracica,nel 2006 in seguito ad una ecografia addome ho scoperto di avere un'aneurisma all'arteria iliaca sx di circa 23 mm,confermata da ecodoppler,da allora eseguo ogni anno un'ecografia di controllo,in tutti questi anni la situazione è rimasta invariata come risulta anche dalll'ultima ecografia risalente al 26/05/2015 che recita: Aorta addominale a superficie intimale ateromasica di calibro regolare,al segmento terminale si segnala la presenza di placca ateromasica disomogenea responsabile di stenosi non emodinamica del 30%,dilatazione aneurismatica dell'arteria iliaca comune ed origine esterna sinistra( mm 23), invariato. si consiglia controllo tra un anno e proseguire la terapia medica con Plavix.
In data 05/08/2015 facendo vedere tale referto ad un'altro chirurgo vascolare,mi consigliava di trattare tale aneurisma chirurgicamente tramite il posizionamento di uno stent tramite chirurgia non invasiva.
A questo punto mi assale il dubbio cosa devo fare seguire il consiglio del medico che mi ha seguito sino ad oggi e quindi tenere sotto controllo la situazione o ascoltare il chirurgo vascolare che mi consiglia di operarmi?
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Pilato
20% attività
0% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Gentilissimo, lei ha una storia familiare che impone un controllo serrato, come sta giustamente facendo. Dal referto ecografico ultimo, la dilatazione dell'iliaca esterna di 23 mm è costante da quasi 10 anni. Non vi è un indicazione assoluta al trattamento endovascolare. E' invece importante valutarne l'aspetto di tale dilatazione (blistr, ulcera penetrante, o aneurisma vero). Le consiglio un ecocolor-Doppler fatto da un Chirurgo Vascolare esperto o una angio-TC/RN nel caso volesse dirimere completamente il dubbio.
[#2] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dott. Pilato intanto la ringrazio per la cortese risposta, io ho già fatto due angio-rmn una nel 2006 ed una nel 2012, ora sono in attesa di fare un'angio-tac,l'ultima RMN recitava: esame eseguito senza e con infusione di mdc,ottimizzato per lo studio dell'aorta addominale e degli assi iliaco-femoro-popliteo-distali in paziente con pregresso riscontro di aneurisma dell'arteria iliaca comune di sx,Esame posto a confronto con precedente del 3-2-2006.
Morfo-volumetricamente invariato il noto aneurisma che presenta calibro massimo di circa 2,5 cm e si estende in senso cranio-caudale per circa 7,5 cm da circa 1 cm distalmente all'origine dell'arteria iliaca comune fino all'origine dell'iliaca esterna sx,regolare la vascolarizzazione dei restanti distretti arteriosi in studio.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Pilato
20% attività
0% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Il fatto che sia l'arteria iliaca comune e non l'esterna ci conforta. La letteratura dice che il trattamento dell'aneurimsa "vero" dell'iliaca comune è dopo o uguale ad un diametro di 35 mm. Noi dopo 30 mm consideriamo il trattamento (lei è giovane). Ovviamente il paziente deve essere asintomatico, ad es nessuna embolizzazione periferica. Comunque all'ulteriore angio-TC si potrà vedere la morfologia dell'aneurisma, se vi è trombosi endoluminale, i diametri degli altri vasi.
[#4] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la disponibilità,mi farò risentire non appena avrò il risultato della prossima Angio-tac,spero non mi facciano aspettare tanto per farla.
[#5] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dott Pilato finalmente in data odierna 25/1/2016 ho ritirato il referto dell'Angio tac così di seguito riportato:
Esame eseguito senza e con infusione di mdc ottimizzato per lo studio dell'arto e degli assi arteriosi degli arti inferiori,
Aorta ascendente con diametro massimo di 33 mm,arco di 28mm,aorta toracica discendente 26 mm, sottorenale di 20 mm. Aneurisma dell'arteria iliaca comune di sx del diametro di 26 mm con flap di dissezione parzialmente trombizzato, l'aneurisma si estende fino alla biforcazione iliaca esterna-ipogastrica, asse femoro-popliteo bilateralmente pervio senza evidenza di particolari lesioni stenosanti o aneurismatiche.Ai limiti superiori il calibro delle arterie poplitee che misura 10 mm.
Distinti saluti