Utente 386XXX
Salve. Ho 19 anni e da qualche mese, circa 3-4, ho problemi ad avere rapporti con la mia partner perchè non riesco ad avere un'erezione. Oltre a ciò (forse come conseguenza) ho del tutto perso ogni libido sessuale: non sento più il bisogno di masturbarmi o di avere rapporti in generale, se pratico dell'autoerotismo è più che altro per avere la conferma che funzioni ancora tutto; in privato e stimolandolo un po' riesco ad avere un erezione, anche se spesso non è completa o la perdo molto facilmente. Ho anche notato la totale mancanza di polluzioni notturne in questi mesi (prima mi capitavano abbastanza di frequente). Non mi sono rivolto ancora a nessuno, probabilmente per imbarazzo. Vorrei capire se può essere solo un discorso psicologico o c'è altro.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,ù
alla sua età i casi più frequenti sono psicogeni, piu rari su base infiammatoria prostatica o ormonale, rarissimi circolatori, neurologici, metabolici.
Meglio sentire parere dal vivo, di qua non si fa di più.
[#2] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazzo

Tali problematiche -se hanno cause psicologiche- possono nascere dopo una casuale defaillance. Mi spiego meglio. Se tu hai perso l ' erezione durante l ' atto sessuale e te ne sei preoccupato perché magari non te lo spieghi, è probabile che da quel momento sarai un pochino di più in apprensione e ciò che farai sará controllare la tua erezione. Il monitoraggio sull' erezione non solo ti rende inutilmente preoccupato ma soprattutto è incompatibile con l ' erezione stessa e con il piacere. Non solo perché entrano in gioco meccanismi antagonisti tra loro ma anche perché ti rendono preoccupato.fare i test di controllo non va bene perché peggiorano la situazione.
Invece se la tua ragazza è complice, potete giocare su questi aspetti e abbassare in questo modo il livello d ' ansia presente. Potete ad esempio fare l ' amore senza fare la penetrazione per un certo tempo.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille ad entrambi per la risposta. Se quindi fossero di natura psicologica, come si superano?
[#4] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Un suggerimento è quello che ho indicato sopra oppure provare a contattare uno psicologo psicoterapeuta da solo o in coppia. Se si tratta di problematiche psicologiche, si potrá trattare in tempi molto brevi (a volte anche un solo colloquio) anche considerato la giovane età.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
magari basta una maciata di antibiotici se la prostata è infiammata. Si faccia una diagnosi precisa. Che sarebbe meglio.
O sbaglio...
[#6] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Dottoressa Pileci grazie per il suo tempo.
Dottor Cavallini, grazie anche a lei, volevo dirle che che ho che ho già fatto un paio di mesi fa delle analisi da cui però non è risultato nulla.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
se poi ci forniva i dati ....
[#8] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Scusate non avevo visto la notifica di risposta.
Allora non riesco ad allegare una foto delle analisi, le scrivo i risultati?
In ogni caso tutti i valori rientravano nei parametri e lo screening batteriologico urinario è risultato negativo.
Visto che la situazione non migliorava, anzi, mi sono rivolto al mio medico di base, che mi ha dato delle compresse di Viagra 50mg (anche se mi ha consigliato più volte di non usarle o al massimo di usarle solo in casi eccezionali). Mi ha poi prescritto una confezione di DAGA - CP (CL.C) e delle analisi del
testosterone
prolattina
TSH - reflex
follitropina (FSH)
emocromo completo con formula e piastrine.
Gli ho poi chiesto se fosse una buona cosa rivolersi ad un andrologo e mi ha detto di no. Gliho chiesto per uno psicologo e mi ha detto che non era necessario un esperto in sessuologia ma era sufficiente uno psicologo qualsiasi, e mi ha suggerito un nome.
Cosa ne pensate?
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Che va bene uno psicologo generale. Purchè bravo.
[#10] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Riguardo al Viagra, alla cura prescritta e alla visita dall'andrologo invece?
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
utilizzerei il solo psicologo.
[#12] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Grazie del suo tempo.
[#13] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle già rivecute e delle letture sul d.e, le sue cause e le sue cure, incluso in canale salute.

Se la diagnosi andrologica ha escluso cause organiche, dovrà investigare quelle psichiche che, in sessuologia, si dividono in:

cause da cattivo apprendimento sessuale
psichiche
Relazionali, diadiche
Da cattiva gestione del l'ansia
Da spectatoring, cioè l'auto osservazione della spontaneità sessuale
Da immaginario non consono all'aspetto razionale.e così via...

Un approccio rivolto esclusivamente al sintomo, risulta orfano di un percorso più completo, capace di regalare emozioni e sensazioni....preziose sulla sua intimità e sessualità
Il vissuto sgradevole e doloroso relativo al deficit erettivo, alla vulnerabilità erettiva, la paura anticipatoria di rivivere un fallimento sessuale,ecc... contribuiscono a creare quelli che noi clinici chiamiamo “fattori di mantenimento della disfunzione”, ben differenti dai fattori che hanno contribuito all’insorgenza della problematica sessuale.
Anche questo verrà investigato in sede anamnestica.



http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologic
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-
[#14] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Dottoressa Randone cosa mi consiglia di fare quindi? Sono veramente disperato
[#15] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Ha letto le letture?

Ha parecchio materiale su cui riflettere, oltre quello che le abbiamo già detto.

La disperazione non porta a nulla, se non a perdere tempo prezioso.
[#16] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Ah non avevo capito che quei link erano le letture, sono nuovo su questo sito. Grazie!
[#17] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Sono letture scelte appositamente per Lei.
[#18] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Senta psicologo consigliato, che magari rifletterete insiema
Saluti.
[#19] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Ho finito solo le prime due letture, continuerò le altre in pausa pranzo. Ritengono indispensabile il ruolo dell'andrologo, cosa su cui il mio dottore ha sorvolato. Forse perché ha ritenuto il mio problema meno grave di quello che realmente è. Se non ho frainteso i testi, parlano di disfunzione erettile capitata in certi casi o in periodi particolari. Io è dal primo episodio avvenuto a fine gennaio durante un rapporto occasionale che non riesco ad avere erezioni in nessuna circostanza (oltre ad aver perso ogni appetito sessuale. Durante questo periodo ho anche frequentato una ragazza senza però riuscire ad avere rapporti per quanto "mi sforzassi"); a fatica e molto "fragili" le ho durante la masturbazione che però, come ho scrtto nel primo messaggio, pratico più per conferme, seppur minime, che per reale bisogno.
Concludendo, oggi ho fatto le analisi prescritte, i risultati arrivano venerdì; esclusi problemi ormonali, il percorso di cura psicologica mi consigliate di seguirlo solo con uno psicologo (chiedo ancora, alla luce di questo messaggio, se esperto in sessuologia o generale) o accompagnato anche da un andrologo?
[#20] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
"chiedo ancora, alla luce di questo messaggio, se esperto in sessuologia o generale) o accompagnato anche da un andrologo?"

Come desidera scelga lei.


Se sceglie un esperto in sessuologia i protocolli sono altri, ma anche uno psicologo/ psicoterapeuta va bene, purché sia simpatico, empatico e soprattutto preparato!!
[#21] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Va bene, vi farò sapere.
Mi ricorderò di voi se qualcuno chiederà il mio aiuto, siete persone fantastiche.
[#22] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Grazie per i complimenti, fanno sempre piacere.

Auguri per tutto.