Utente 386XXX
buonasera,
da circa 45 giorni mi è stato effettuato un intervento di prostatectomia radicale robotica (Da Vinci) in nerve-sparing e da 20 giorni assumo Cialis 5 mg al dì. Dietro stimolazione e/o rapporto sessuale ottengo un allungamento del pene che però non mi consente la penetrazione (nel momento dell'orgasmo si inturgidisce). Vorrei chiedere se già questo è un segnale di buon auspicio per la ripresa dell'erezione e se ritenete utile che io effettui la cosiddetta riabilitazione dell'erezione oppure è già sufficiente assumere Cialis. In caso, quale tipo di riabilitazione potreste consigliati?
grazie molte per la vostra attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
la riabilitazione dell'erezione, in soldoni, consiste nel far si che i corpi cavernosi siano ossigenati abbastanza in quanto lunghi periodi di detumescenza sono molto negativi in termini di ripresa. detto questo i segnali da lei riferiti sono abbastanza buoni.
ne parli col chirurgo che ha eseguito l'intervento.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno dottore e grazie per la pronta risposta.
Seguirò sicuramente il suo consiglio e ne riparleró con il mio chirurgo. Può però precisarmi se il Cialis 5mg è di per se già una terapia utile alla riabilitazione dell'erezione e se, a suo parere, riterrebbe utile altra terapia?
La ringrazio ancora e la saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
il cialis può andare bene, per il resto della domanda non è questa la sede.
cordialmente