Utente 519XXX
Carissimi,
Sono un uomo di 39 anni e chiedo un Vostro parere per una situazione imbarazzante ad alquanto problematica. Da diverso tempo soffro di calo del desiderio sessuale, nel senso che non mi eccito e faccio fatica ad ottenere e/o mantenere una erezione (con evidenti ed ulteriori aggravi a livello psicologico che mi spingono paradossalmente ad un effetto "evitamento"). Sono sposato da 3 anni e vorremmo avere un figlio, solo che in queste condizioni non ci riesco. Su consiglio di uno specialista ho provato levitra 10 mg con risultati scarsi.
Negli ultimi tempi ho incontrato 2 specialisti andrologi che hanno fatto una serie di esami (ormonali, doppler, ecodoppler, cavernosometria...) da cui risulta solo una lieve perdita venosa (assolutamente non giustificante la mia situazione.
Il discorso che vorrei approfondire è che ogni specialista ha ricercato la causa del problema esclusivamente dal punto di vista "meccanico" (arterie, vene, ormoni..etc.etc) ma nessuno ha preso in considerazione il problema della LIBIDO, e cioè la mancanza o scarsa presenza del desiderio (senza il quale, presumo, non può esserci nessuna erezione); per fare un paragone io potrei anche stare molto tempo senza desiderare un rapporto (è brutto ammetterlo ma è così), ho provato anche con una storia occasionale ma le cose non sono andate neanche li un gran bene, dopo un breve eccitamento iniziale tutto si è bloccato.

Vorrei capire se c'è qualche altro esame specifico per il mio caso che potrei effettuare, se c'è un qualche specialista in grado di rispondere ai miei quesiti ed aiutarmi.

Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente, se da tutti gli esami fatti non risulata nulla di anormale, a volte il calo del desiderio può essere associato ad un calo del testosterone, allora potrebbe essere indicato un consulto psicossessuologo
[#2] dopo  
Utente 519XXX

Iscritto dal 2007
Il discorso è che lo scoraggiamento è forte! nel senso che ovunque si legge dell'importanza di intraprendere una cura specifica seguiti da un andrologo, piuttosto che cercare di "far da se", per risolvere i problemi di impotenza.
Però la mie esperienza personale dice tuttaltro, mi spiego meglio: dopo gli esami arterioso/venoso/ormolani di rito, nel caso (purtroppo, me lo consentano) non risulti nulla di negativo, non mi si è mai presentata alcuna "terapia" se non quella dei famosi farmaci che purtroppo non è detto che funzionino (tre...dico TRE specialisti andrologi diversi)...e sfortuna vuole che nel mio caso levitra 10 mg non sia servito a nulla (tranne a farmi venire un fastidioso mal di testa)....e allora consultando il mio andrologo (l'ultimo...tra l'altro famoso qui a Milano) sapete cosa mi ha risposto??:
"provare con cialis o viagra..sperando che questi funzionino, altrimenti si dovrà provare con delle iniezioni di un farmaco di cui non ricordo il nome...e se anche quello non funziona...beh...si dovrà pensare alla protesi!!!!"

giudicate voi come si possa sentire una persona di 40 anni che spera di risolvere un problema il quale, PURTROPPO, non si riesce ad identificare in qualcosa di fisico e definito.