Utente 388XXX
Salve sono un ragazzo di 21 anni e ho abusato di droga per circa 5 anni.. Ogni volta che non uso la droga do 3 spinte e vengo e vale lo stesso per le successive.. Tra la prima, la seconda e la terza non cambia nulla o cambia poco.. Questo mi ha costretto e rimanere schiavo della droga di cui abusavo e ora che ho deciso di rimanere pulito il problema di eiaculazione precoce mi sta uccidendo.. Ho consultato un andrologo e mi ha somministrato il priligy ma non ho notato grandi miglioramenti nell'utilizzarlo e non sta curando il mio problema inoltre è molto costoso.. Vi prego aiutatemi vorrei avere una vita sessuale appagante senza aiuto di droga.. Inoltre visto che il priligy non mi cambia di molto sarebbe meglio optare per degli ssri?
Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

per il cambio di terapia purtroppo sempre al suo andrologo deve rivolgersi; in questi casi non è escluso che possa essere indicato anche un approccio psicoterapeutico oltre all'utilizzo di inibitori della ricaptazione della serotonina.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-pianeta-eiaculazione-precoce.html

ed ancora mi ascolti a questo link:

http://www.nostalgia.it/piemonte/articolo/lstp/10401/

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Come suggerito dal dr. Beretta, la cura della sua eiaculazione precoce non può essere avulsa dalla cura della sua psiche e dalla disamina approfondita delle cause che l'hanno spinta ad adoperare la droga.
Perché si sentiva solo?
Perché la faceva sentire più forte?
Più potente?
Più disinibito sessualmente?
Ha carenze d'amore?
Fragilità inesperesse?
Perché durava di più sotto le lenzuola?
Ci sarebbero infiniti ambiti da dover analizzare, non online, ma de visu.
Si faccia aiutare, è davvero tanto giovane, cambiare è possibile.


Consideri che quando c'è una dipendenza, solitamente c'è una " personalità dipendente" ed è questa che va curata per bene davvero.

L’aspetto diagnostico dell’eiaculazione precoce oltre, oltre alla indispensabile visita andrologica che lei ha già fatto, è estremamente complesso, soprattutto per quel che riguarda la riluttanza e riservatezza del paziente e della coppia nell’esporre le proprie difficoltà.

Andare a tentoni dal punto di vista psichico e relazionale ....contribuisce a mantenere in vita la disfunzione, lei è molto giovane, vedrà che con le dovute cure, calibrate alla sua storia clinica e sessuale, risolverà una volta per tutte.

Una terapia senza clinici non serve a nulla, la sessualità inoltre non può essere solo farmaco corretta, anche se i farmaci aiutano e non poco, ma dipende da mille altri fattori, interni - psichici - ed esterni - relazionali.

Consulti questo materiale ed anche un canale salute.



http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce-prevenire-l-eiaculazione-precoce-Quell-incontrollabile-fretta-del-piacere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-