Utente 387XXX
Salve a tutti,
vi spiego i miei problemi.

Ho 19 anni e Ho un pene con un glande molto abbondante in fase di completa erezione, questa non facilità per niente lo scorrimento del prepuzio. Mi sono sottoposta ad una frenulotomia nel 2011 proprio per questo, che ha comunque facilitato lo scorrimento.

Inoltre ho una macchiolina rossa nel glande, un quadratino di mezzo centimetro rosso. In alcune parti il glande è più arrossato rispetto ad altre che invece sono più tendenti al grigio. (posso inviare foto agli specialisti se serve). Mi lavo frequentemente con acqua e basta il glande, ma mi sono accorto di avere un glande molto secco e e questo non facilita lo scorrimento. Tra l'altro ho una forte iper-sensibilità del glande che non mi consente di toccare tutto il glande con le mani in modo autonomo.

Mi sono accorto, infine, che la mia secrezione di liquido pre-rapporto sessuale (anche se ancora non ho mai avuto un rapporto sessuale con lei) quando sto con la mia ragazza è molto abbondante.

Grazie in anticipo per le risposte e per i consulti. Cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa dei suoi problemi e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Detto questo, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non sicurezze , per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2015
Oggi sono stato dal medico e mi ha detto di prendermi Fluconazolo EG per due giorni (una compressa al giorno) per una presenta micosi.

Poi sono andato anche a comprarmi Saugella, un sapone intimo antibatterico.

Ora il problema che si pone è questo: come posso lavare il glande soprattutto nella corona (che è di colore violaceo) se questa stessa al tatto mi crea fastidi? Come applico il sapone sul glande? In che modo?

Comunque ho anche prenotato una visita urologica.

Vi ringrazio per il supporto.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!

Fatta anche questa valutazione, se lo desidera, ci riaggiorni.
[#4] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2015
Un po' di giorni fa sono stati da un dermatologo che mi ha prescritto Travocort da mettere 10 giorni due volte al giorno.

Travocort combatte l'ipersensiblità del glande?

Riesco a mettere la crema sul glande con le dita con poco fastidio.

Mi è venuto un dubbio: quanta crema devo mettere? Quando la metto richiudo tutto col prepuzio o lascio asciugare la crema prima di richiudere?

Lavandomi quando il getto d'acqua va a finire sul meato uretrale esterno sento un po' di bruciore e la zona è più rossa di tutto il glande. Possibile che questa cosa sia collegata al meato uretrale? Da molto tempo infatti soffro anche di una leggera deviazione del getto dell'urina e di sgocciolamento post-minzione.

In più mi sono accorto di avere una piccolissima escrescenza rossa proprio nel buchetto per l'urina.

Cordiali saluti, attendo risposte e supporti. Sono molto preoccupato.
[#5] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2015
Mi sono scordato di scrivere nel precedente post che l'urologo non ha riscontrato nessun tipo di problema.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la pomata prescrittale è indicata nel trattamento delle dermato-micosi sostenute da dermatofiti, funghi e lieviti sensibili all'Icomazolo e caratterizzate da una forte componente infiammatoria o eczematosa.

Risenta ora il suo dermatologo di riferimento visto che l'urologo l'ha già tranquillizzata.

Un cordiale saluto.