Utente 375XXX
Salve, scrivo per conto di mio marito, un uomo di 22 anni alto 182 cm e con peso corporeo di 105 kg. Qualche mese fa chiesi di poter visionare un rx, e un dottore del vostro staff mi disse che purtroppo non era possibile visionarlo. Spiego la situazione in breve:
Da gennaio, dopo uno sforzo, lamenta dolori nella zona lombare della colonna vertebrale che a volte si spostano anche più in alto nella zona dorsale, sia a riposo, sia quando lavora. Il medico di famiglia ci ha consigliato di fare un rx dal quale è risultato solo una lieve scoliosi lombare con dislivello del bacino, gli ha poi consigliato di perder peso e degli integratori. Da qualche settimana però, ha anche sbalzi della pressione sanguigna. Da 90/60 sale in cinque/dieci minuti a 130/80. Non so se sia una cosa normale o meno. Può essere che abbia un problema grave che noi stiamo trascurando e questo potrebbe essere un primo sintomo? Lui vorrebbe fare un RMN total body, secondo la vostra esperta opinione potrebbe risultare il problema alla schiena? O non servirebbe a nulla?
Mi scuso per le tante domande, è solo che sono preoccupata.

Ringrazio anticipatamente, distinti ossequi.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Qualsiasi accertamento radiologico non serve MAI al paziente, che ovviamente non ha nessuna capacità di servirsene, ma serve SOLO ED ESCLUSIVAMENTE al medico che l'ha prescritta, e MAI "per vedere cosa c'è" ma SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta. Non ha quindi senso fare una "RMN total body", anche perché il referto della RMN non costituisce una diagnosi ma semplicemente la descrizione di ciò che il Radiologo ha rilevato guardando le immagini della RMN. La diagnosi la fa solo il medico dopo aver visitato il paziente, aver prescritto quegli accertamenti che gli (=al medico) sembrano necessari, avere infine visto le immagini degli esami prescritti (e non il solo referto), per integrarle con quanto emerso dalla visita stessa. Il collega, che giustamente disse non essere possibile visionare le rx (anche le linee guida del sito, che può leggere qui http://www.medicitalia.it/02it/guida-consulti.asp, lo confermano), suggerì una visita specialistica (ortopedico o medico fisiatra) quasi 5 mesi fa, ma mi pare che Suo marito non sia mai stato visitato né dall'uno né dall'altro. Gli "sbalzi di pressione" ovviamente non sono "normali" : a questo punto occorre accertare se il dolore lombare ha origini osteo-articolari, se cioè è a partenza dalla colonna vertebrale, o se ha origini extra-rachidee, per esempio da organi interni, come reni e surrenali. Questo problema nuovo richiede di essere indagato in tempi brevi in un Centro per l'ipertensione,ad esempio presso l'ospedale della città che ha indicato nei Suoi dati. Guardi qui http://siia.it/centri/campania/. Attivatevi oggi stesso per affrontare questo problema rapidamente senza cercare soluzioni su internet perdendo altro tempo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per i suoi consigli, e vorrei approfittare per farle un ultima domanda. Proprio ieri, mio marito ha fatto un visita ortopedica e altre rx sotto richiesta del medico stesso, il quale esito è stato che la sua scoliosi potrebbe portagli questi dolori. Non che io non voglio fidarmi di uno specialista, però, io ho una scoliosi lombare di 17 gradi (trattata con corsetto ortopedico rigido per 5 anni) e il dolore alla schiena non c'è quasi mai, se non quando lavoro per molte ore, ma passa dopo poco riposo. Quindi, la mia domanda è, com'è possibile che a lui faccia così male pur avendola così lieve?
La ringrazio in anticipo e la saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Premesso che ci possono essere motivi di dolore in presenza di scoliosi, e che ci possono essere in alcuni pazienti e in altri no, perché le patologie non sono mai uguali e i pazienti non sono mai uguali, come potrei esprimere un parere senza avere interrogato, ascoltato e visitato il paziente e senza aver visto le immagini degli esami eseguiti? La soluzione, lo ripeto, non è reperibile in Internet. Io, a distanza, posso solo ribadire che "occorre accertare se il dolore lombare ha origini osteo-articolari, se cioè è a partenza dalla colonna vertebrale, o se ha origini extra-rachidee, per esempio da organi interni, come reni e surrenali".
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio,
Cordiali Saluti