Utente 388XXX
Salve, sono un ragazzo di 19 anni, e soffro di una curvatura del pene verso il basso. La curvatura è piuttosto accentuata (direi oltre i 45 gradi), dunque sono quasi certo di dovermi sottoporre ad intervento chirurgico anche se non ho fatto alcuna visita specialistica.
Mi pare di aver capito pero che ci sono due metodi per "curare" una curvatura: il primo consiste nel recidere la parte piu lunga nel punto della curvatura (nel mio caso la parte superiore), oppure è possibile inserire una componente artificiale nella parte opposta, cioè in quella "piu corta" ( nel mio caso, il lato inferiore dell organo). Ma in base a cosa si sceglie uno o l altro metodo? Mi pare di aver letto che per curvature congenite solitamente viene usato il secondo tipo di operazione. Ma quali sono pro e contro di ogni tipo di intervento? Per esempio ho letto che nel primo caso è possibile che insorga in futuro una disfunzione erettile.
Ringrazio in anticipo per la vostra cortesia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'esperienza pluridecennale mi ha dimostrato come le autodiagnosi siano uno dei fattori favorenti clamorosi errori terapeutici,in buona o meno buona fede,da pare di colleghi....Si decida a contattare uno specialista reale e ne segua i consigli.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la risposta. Sicuramente mi rivolgerò ad uno specialista nel prossimo mese, pero mi saprebbe dire le differenze e i pro-contro dei due tipi di operazione?
la ringrazio in anticipo