Utente 388XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni e sono cuoco professionista, 3 giorni fà tagliando un avocado mi sono tagliato la mano sul lato del palmo, giusto sotto la prima falange dell'indice. Si è tagliata una parte del nervo collaterale radiale del dito indice, il movimento del dito va bene anche se non completo (probabilmente dovuto ai 5 punti di sutura) gli unici problemi che ho sono: 1. la sensibilità laterale del dito è scomparsa. 2. toccando il palmo giusto sotto il dito medio ho un dolore lancinante come fosse una scossa elettrica. Mi han dato 2 opzioni: o lasciar tutto com'è e aspettare che il nervo si rigeneri da solo o la microchirurgia. La mia domanda è riferita al dolore che sento toccandomi, sparirebbe dopo la microchirurgia?
grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

va fatta una esatta valutazione del danno, impossibile con esami strumentali o con il solo esame clinico.

Pertanto, andrebbe fatta un'esplorazione chirurgica che, però, dovrebbe poter consentire, nello stesso tempo, una adeguata riparazione del nervo (l'ideale sarebbe una tubulizzazione con vena, per prevenire neuromi dolorosi o una interposizione di fibroblasti all'interno dell'eventuale neurorrafia).

Quindi, l'intervento andrebbe programmato da parte di chirurghi esperti in questo genere di lesioni.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la celere risposta Dott. Leccese,
lo specialista che mi ha visitato mi ha parlato di riuscita di questo tipo di operazione molto bassa in termini di miglioramento. Posso chiederle un parere a riguardo?
Grazie
Domenico
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non concordo: la riuscita di una riparazione di questi nervi collaterali digitali è di norma molto elevata, a patto che si seguano certe regole e si adottino certe precauzioni, come ad esempio la protezione della sutura nervosa (neurorrafia) con un tubulo che impedisca la formazione di cicatrice all'interno della sutura stessa e, nello stesso tempo, impedisca a parte delle fibre nervose in transito di fuoriuscire dalla zona di sutura, disperdendosi nell'ambiente esterno e non arrivare pertanto a destinazione.
[#4] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2015
Grazie,
un paio di curiosità in merito:
attualmente i punti sono stati rimossi, il dito (ancora un pò gonfio dopo 12 giorni) non si chiude/apre completamente, questo potrebbe essere dovuto ai muscoli della zona che potrebbero essere parzialmente recisi o semplicemente dovuti al gonfiore? e dopo l'operazione si farebbe anche una riabilitazione?
cordiali saluti
Domenico
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non esistono muscoli nel dito, ma solo tendini, vasi e nervi.

La difficoltà a muoverlo dipende verosimilmente dalle cicatrici (esterna e interna), che sono turgide e molto sensibili.

La riabilitazione (attiva e passiva), la può fare lei stesso 3 volte al giorno.