Utente 386XXX
Buongiorno! Vorrei un vostro parere su una mia situazione.
La notte tra il 6 e il 7 aprile mi sono svegliata con il battito del cuore accelerato, sudorazione e tremolio alle gambe. In questa occasione anche la pressione risultava alta con 90 la minima e 140 la massima. Ho attribuito questo episodio al fatto che il 5 aprile è morto mio zio.
Però dopo questo episodio la pressione ha continuato ad essere ballerina e io continuavo ad avvertire dolori al petto che spesso riguardavano anche la zona sotto lo sterno. Ogni tanto questi sintomi riguardavano anche la gola e spesso si tramutavano in oppressione e mancanza di fiato con conseguente difficoltà a respirare.
Tra fine aprile e inizi maggio Ho fatto sia l' elettrocardiogramma sia l'ecocuore ma non hanno riscontrato di anomalo tanto da non ritenere opportuno continuare gli accertamenti sul cuore.
Per scrupolo di coscienza ho fatto anche le analisi del sangue per vedere se potesse dipendere dalla tiroide ma anche qui tutto era nella norma.
Ad oggi continuo ad avere dolore al livello del petto, un po di pesantezza allo stomaco e quasi sempre ho una tosse che non capisco se è di petto o provocata da un lieve solletico alla gola che si placa un poco solo bevendo.
Secondo Voi da cosa potrebbe essere dovuto questa situazione? Potrebbe essere causata da ansia e stress? Cosa potrei fare per uscire da questa situazione?
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È probabile che il suo sia un problema esofageo.
Ma è opportuno che lei esegua un ECG sotto sforzo
Ne parli con il,suo medico
Arrivederci

Cecchini
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la sua risposta! Ritiene opportuno fare anche una gastroscopia o qualcosa di similare per vedere se ci son problemi nello stomaco o come dice lei nell'esofago?
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se i disturbi proseguissero certamente si, ma prima esegua un ECG sotto sforzo
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Scusi se la disturbo ancora ma ho delle domande da farle.
Poiché Lei mi ha detto di fare un ECG sotto sforzo, pensa che la tosse sia dovuta a qualche scompenso cardiaco? In tal caso non si sarebbe dovuto evincere anche dalle ECG a riposo e dall ' ecocuore? Siccome ora sono fuori sede per le vacanze e rientrerò solo a inizi settembre, e solo allora potrò fare le ulteriori indagini, fino ad allora come posso contrastare i dolori al petto e la sensazione di mancanza d'aria?
Grazie ancora per la sua disponibilità,
[#5] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno! Il mese scorso finalmente mi sono decisa ad andare dal medico di fiducia per farmi visitare visti che i dolori ancora persistono. Gli ho portato tutte le analisi effettuate tra aprile e maggio e mi ha detto che erano buone se non fosse per il colesterolo un po alto e la presenza di uricemia. Mi ha cmq visitato misurando pressione , mi ha toccato i piedi e la pancia e poi mi ha ascoltato spalle e petto. Ha escluso che i miei problemi dipendono dal cuore (questo medico ha la specializzazione in cardiologia) e ha supposto che sia un reflusso gastroesofageo visto che avverto dolori anche all' imbocco dello stomaco sotto lo sterno. Mi ha dato da prendere il nexium 40 ma purtroppo fino ad ora non ho avuto nessun tipo di miglioramenti se non lievissimi ma sporadici. L' ho richiamato e mi ha consigliato di fare una gastroscopia, un ECG sotto sforzo e la ricerca del l'helicobacter pilori nelle feci ma prima di proseguire per un altro mese con il nexium 40.
Siccome io non sopporto la gastroscopia, si può ovviare facendo qualsiasi altro tipo di analisi alternativa?
Nel frattempo mi sono recata da un medico (gastroenterologo) per essere seguita pe una dieta. Il medico mi ha fatto una specie di ecografia allo stomaco e mi ha confermato la presenza del reflusso ma lui non mi ha dato farmaci ma anzi ha detto che con la dieta e dimagrendo questi fastidi sarebbero passati.
Siccome ormai i fastidi sono persistenti e un vaganti tra il petto, e la zona sotto lo sterno., visto che il nexium 40 non ha sortito effetti, cosa posso fare? Vorrei evitare di fare la gastroscopia cosa fare?
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Complimenti ai suoi medici che riescono ad escludere un reflusso con una ecografia. Dovrebbero dare loro il Nobel per la medicina...
La prova da sforzo serve inoltre ad escludere patologie cardiache.
Lei é sovrappeso ed ipercolesterolemia e pertanto le consiglio di eseguire tale esame
Arrivederci
Cecchini