Utente 268XXX
Buonasera,
sono una donna di 37 anni, non fumatrice, lievemente sotto peso.
da circa 10 giorni, mi sveglio tutte le mattine accusando i seguenti sintomi: peso alla schiena, sudorazione fredda alle estremità, accelerazione del battito cardiaco con peso toracico, annebbiamento visivo, senso di mancanza d'aria e di mancamento, ma senza svenimento effettivo.
Il tutto si presenta tutti i giorni, dura circa un'ora e mi lascia un malessere per tutto il giorno.
Trovandomi in vacanza mi sono recata alla guardia medica la quale mi ha misurato la pressione in due misurazioni: 80-120 la prima e 80-110 la seconda. E mi ha suggerito di fare esami del sangue completi con particolare attenzione al ferro.
Nella mia storia clinica è presente anemia sideropenica che si ripropone ciclicamente ed è stata nel 2014 di grado severo.
Sempre del 2014 sono indagini cardiologiche complete (ecg di base, Holter, test da sforzo ed ecocardio) tutti negativi per patologie.
La guardia medica inoltre mi ha prescritto un integratore di sali e suggerito di bere molto.
La mia preoccupazione è che non sia saggio però attendere settembre, il mio rientro in città, per eseguire le indagini.
Vorrei conoscere un vostro parere sui sintomi e se posso attendere effettivamente per gli esami.
Grazie mille.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
Concordo pienamente col collega di guardia.
È possibile che sia molto anemica e che questa sua ciclica anemia vada indagata.
Intanto un emocromo e una ferri tina la può fare ovunque.
I consigli del collega di guardia medica sono giusti e da seguire.
Al ritorno valuti con il curante la ripetizione dell' Holter ECG e di un ecocardiogramma color doppler.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Buona sera Dottore,
La ringrazio per la risposta celere e tranquillizzante per la mia situazione.
Seguirò i Suoi consigli, domani predisporrò per visita al rientro col curante e esami ematici.
Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Dottore buongiorno,
mi scusi le volevo chiedere un ulteriore chiarimento.
Presa un po dal panico purtroppo ho preferito andare a fare un controllo in pronto soccorso dove mi hanno sottoposta ad ecg e esami del sangue con emocromo, elettroliti e enzimi cardiaci. Da tutti i controlli non è emerso alcunché, dimessa infatti dopo pochissimo con consiglio di alimentarmi meglio.
La sera seguente però ho avuto uno strano episodio: associato ai sintomi presincopali ho percepito un forte rallentamento del battito. Il tutto si è risolto sempre senza svenimento in una ventina di minuti.
Mi devo preoccupare?
Grazie mille dottore per quanto potrà osservarmi.
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
Le rassicurazioni ottenute in PS sono sicuramente confortanti, anche se le conviene provare a chiedere copia degli esami effettuati, specie ematochimi, per integrarli eventualmente, così risparmierà lei se paga il ticket, il SSN e non allunghera' troppo le liste di attesa.
Per i suoi episodi "presincopali", come li definisce, ancorché eseguito lo scorso anno, data la recente insorgenza della sintomatologia, io le consiglio un Holter ECC/24 ore con l'avvertenza di segnalare con l'apposito pulsante quando avverte il malore.
Alla luce del risultato dell'Holter si potrà considerare la necessità di in head up tilt test, semplice test ma spesso dirimente in casi come il suo.
Se vuole, può tenermi informato.
Arrivederci
[#5] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dottore,
senza dubbio la aggiornerò. È la ringrazio ancora per questa consulenza.
Ragionevolmente credo sia da fare il tilt test (sul quale mi sono informata, devo ammettere che mai lo avevo sentito prima d'ora), perché nella mia vita, sin da ragazzina, ho avuto sporadici episodi simili (sui mezzi pubblici in piedi, se mi espongo al caldo umido in luoghi chiusi anche da seduta, quando mi piego a raccogliere qualcosa e mi tiro su velocemente), quindi la sintomatologia è di nuova insorgenza per frequenza di presentazione ma non del tutto per tipologia di vissuto.
La questione aritmica la andrò ad indagare senza meno nuovamente con l'esame Holter, ma ci potrebbe essere molta parte giocata dall'ansia?
Innegabile la presenza dell'ansia nella mia vita.
Cordiali saluti e buon lavoro.
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
L' ansia cara signora, oltre una certa soglia e quando è fine a se stessa, non giova a nulla e va considerata una malattia da curare.
Come l'influenza!
Mi aggiorni quando vuole!
Arrivederci
[#7] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore,
eccomi a darle ancora un aggiornamento. Ho ritirato oggi gli esami ematici eseguiti in PS e, come le accennavo, sono tutti entro il range. Comprendono emocromo completo, sodio e potassio, azotemia, glicemia, bilirubina totale e frazionata, got, gpt, ldh, cpk, amilasi totale, enzimi cardiaci, ptt, aptt ratio, attività protrombinica, fibrinogeno, inr.
Ho eseguito una visita cardiologica oggi con una nuova misurazione della pressione: 90-130 (seguita a ieri notte dove ho avuto un episodio di tachicardia un po prolungato) e un nuovo ecg negativo per patologie con la registrazione di una frequenza cardiaca di 100 b/m, nessuna traccia della tachicardia eventuale notturna.
La dottoressa che mi ha visitata oggi mi ha consigliato di eseguire dosaggi tiroidei (che però negli anni ho sempre fatto e sempre tutti ok), ricerca immunoglobuline per la celiachia (fatti anche questi due anni fa e negativi) e infine un Holter 48 ore (come lei, solo che in aumento del tempo).
Vedendomi anche un po, come detto a lei, in ansia mi ha consigliato di prendere due pasticche al giorno di Valeriana.
Ho espresso le mie paure e cioè, quella che ho ciclicamente, della morte improvvisa.
Con i controlli cardiologici effettuati negli anni sembrerebbe poco probabile.
Ma io questa paura ce l'ho e mi si ripresenta di tanto in tanto.
Nella mia famiglia non ci sono casi, ma rimasi traumatizzata dalla morte del figlio di una cara amica a 19 anni. È da lì ho letto cose che mi hanno terrorizzata.
La saluto e ringrazio ancora.

[#8] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Mi sono andata a rivedere gli esami cardiaci effettuati nel tempo e le date corrette sono 2008, 2010 2012, 2014. Delle prime tre date sono screening completo (ecg, Holter 24 h, ecocardio e test da sforzo), del 2014 invece solo visita con ecg, non con tutti gli altri esami.
Testimonianza effettiva di una ciclicità nel ripresentarsi di sintomi/paure.
Di nuovo cordialmente.