Utente 388XXX
Buon pomeriggio carissimi Dottori, circa due mesi fa mi è stata diagnosticata una fistola sacro coccigea,il 6 Luglio ho eseguito l'operazione per eliminare l'ascesso e quindi tutta la materia che si trovava all'interno ed è stata fatta curare con il metodo dello zaffamento. Il dottore voleva fissare l'intervento per eliminare la fistola,ma essendo estate non ho voluto farmi operare perché la mia Estate si sarebbe definitivamente finita e quindi ho deciso insieme al Dottore di eseguire l'operazione verso metà Settembre. Ho finito le medicazioni due settimane fa e non lamentavo nessun dolore,ma l'altro ieri ho sentito un po' di fastidio e ieri mi sono accorto che era fuoriuscito un liquido misto a sangue! Ho messo la Gentalyn Beta(che mi consigliò il dottore quando finì le medicazioni),una garza e sono andato a letto. Stamane ho fatto la stessa cosa,ma circa 30 minuti fa ho sentito una sensazione di 'bagnato' mentre ero seduto,ho controllato ed è fuoriuscita nuovamente questa sostanza! Essendo domenica non so a chi rivolgermi e sono un tipo abbastanza paranoico,così ho deciso di rivolgermi a Voi affidandomi alla Vostra professionalità. Spero di ricevere una risposta perché non so più cosa fare.
Grazie mille in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
da quello che riferisce potrebbe trattarsi di un nuovo episodio di ascesso; pertanto in questi casi potrebbe essere utile eseguire degli impacchi caldo-umidi, che consentano la continua fuoriuscita del contenuto purulento ed ematico.
Se la situazione non dovesse risolversi, Le consiglio di contattare il suo medico curante per intraprendere un'eventuale terapia antibiotica o il suo chirurgo di fiducia per l'eventuale drenaggio dell'ascesso e successivamente di programmare l'intervento di asportazione della fistola sacro-coccigea non appena le condizioni lo rendano possibile per evitare ulteriori episodi di ascessi.
Cordiali saluti.