Utente 386XXX
Spett.dottori in seguito a delle extrasistoli e delle F.A specie dopo mangiato il mio gastroentenologo ha ritenuto opportuno che facessi una visita cardiologica :
Eseguto hotler 24 ecg; ex vn 2 sv 2485 coppie 26 run 23 mx 91 per 35 sec
Fc mx 10 bpm
Toni ritmici.non soffi di rilievio.non stasi polmonare.fegato nei limiti della norma.non dolente.polsi arteriosi normosfigmici.non edemi declivi.
elettrocardiogramma;
Ritmo sinusale
ecocardiogramma;
siv 10 mm vn sx 53 pp 11 ao 29 asx 38 f:e =71%
TAPSE 29. MITRALE E/A 1.59
Volevo gentilmento un vostro parere,terapia attuale rytmonorm 150 due volte al di ancora per un mese.poi ripetere hotler 24.ho sempre fatto attivita fisica,non fumatore non bevo alcolici.
Sono molto ansioso in terapia con un psicoterapeuta.ho un ernia iatale da scivolamento.e uso seretide discus 250 un puff ogni due giorni.da dire solo che quando ho fatto hotler in quei giorni lo steess di lavoro era a 1000 in piu avevo problemi di gastrite pancia gonfia.
Volovevo un vostro parere gentilmente riguardo alla visita.
grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
E' difficile dare consigli a distanza. Le aritmie che ha non sono pericolose, e potrebbero essere legate a spine irritative addominali e quindi risolversi con la terapia per l' ernia natale e il gonfiore addominale che riferisce.
La terapia con Rytmonorm a me sembra eccessiva per delle extrasistoli sopraventricolari per cui basterebbe (considerato anche lo stato ansioso) un betabloccante a piccole dosi. Però lei accenna anche a F.A: (probabilmente fibrillazione atriale) che non so quando sia stata diagnosticata. Per la FA in effetti il Rytmonorm è indicato. Quindi ne parli con il suo cardiologo.
Io aggiungerei solo un consiglio: dopo mangiato non resti seduto a lungo e non si metta sul divano, ma cerchi di camminare (o almeno stare in piedi) almeno una mezz'ora.
Per il gonfiore addominale provi anche tisane ai semi di finocchio o altre tisane digestive.
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Ringrazio per la rapida risposta.
Si F.Atriale mi e stata diagnosticata portando hotler 24 ore pero in quel periodo ero preso tanto da lavoro quindi stress ansia ed in piu problemi gastrici.da un po di tempo circa un mese ho coretto al meglio la mia alimentazione e le extrasistoli sono diminuite.pero ritornano non appena sgarro.
Ringrazio in anticipo
[#3] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Dimenticavo,dopo cena quando ho delle extrasistoli sento in nodo in gola e la cosa mi mette ansia dopo di continuo sono li con la mano nel polso.
un agonia.
grazie
[#4] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non si preoccupi troppo! Le extrasistoli non sono pericolose! E il nodo in gola potrebbe essere anche legato solo al reflusso.
Cerchi di stare attento a quel che mangia.
Faccia una buona colazione al mattino, uno spuntino a metà mattina e metà pomeriggio e alleggerisca pranzo e cena.
[#5] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Spett.dottoressa grazie intanto per le risposta veloci che mi hanno un po confortato.
A distanza quasi di un mese, premetto che sono lo stesso ansioso stressato perche faccio un lavoro stressante valdo dal psicoterapeuta e sto avendo molte soddisfazioni.
Dicevo a distanza di un mese avendo poi finito la terapia con ritmonorm circa 2 settimane fa non assumo nessun medicinale.prendo solo alla sera magnesio supremo e ogni tanto glaviscon in busta.
La mia domanda dotoressa
Avendo avuto io pressione altina e avendo avuto F.A puo essere che io adesso abbia la pressione costante circa sui 117/75 e quello che piu mi preoccupa battiti a 54 a riposo
Non ho piu extrasistoli tranne qualche volta quando mangio tanto oppure sbaglio alimento ! Ho eliminato i caffe ninete dolciumi briosh ecc solo frutta miele con cereali alla mattina insalate succo puro di mele , uscite in mountainbike 3 volte a settimana 25km come niente
Senza fatica.sto rientrando nel peso forma ho perso 4/5 kg
Ho un po di sintomi tipo stanchezza non vertigina specie dopo lavoro la sera e durante nei giorni stressati. ma qualcosa di molto piu leggero diciamo sopportabile almeno due volte al giorno.da dire che ho problemi alla cervicale per i quali sto facendo massaggi.
Cosa dice lei e preoccupante oppure no?
Io ho tantissima paura di avere qualcosa
Grazie in anticipo
[#6] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Scusi, ma perché preoccuparsi?

Con la dieta e l' attività fisica sta rientrando nel peso-forma, non ha più extrasistoli, la pressione è tornata normale (117/75 è NORMALE!)....

Ogni tanto è un po' stanco, facendo un lavoro stressante... A me sinceramente pare che tutto stia andando per il meglio! E senza antiaritmici!
[#7] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora
Sono preoccupato perche in famiglia abbiamo la pressione alta.io lo sempre avuto altina con addirittura F.A adesso la pressione si e abbassata senza farmaci ed i battiti a riposo arrivano a 55.
Ok che mi sono messo in riga con l'alimentazione e sport, ma non sono uno sportivo professionista per avere i battiti bassi.che non sia un problema di cuore? ho la fobia delle malattie, forse e questo che non mi da pace.
Mi misuro la pressione di continuo.
Che agonia..
Grazie ancora dottoressa

[#8] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
L' abbassamento della pressione e della frequenza cardiaca è l' effetto FISIOLOGICO E BENEFICO dell' attività fisica!

E' esattamente quello che si voleva ottenere, e adesso non è contento?

Provi a portare questo problema allo psicoterapeuta con cui è in cura. Sembra quasi che lei inconsciamente "desideri" essere ammalato.
[#9] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
G.le dotoressa ha sicuramente ragione
Le chiedo un consiglio
Da circa due anni sto facendo un lavoro molto difficile stressante che mette ansia senza speranza, impegnato alle vendite sono sempre in giro con il mezzo.mi ha fatto ammalare da quando ho iniziato sto sempre male in tutti i sensi ho accettato il questo lavoro perche lo stipendio e buono ma non basta per quello che si fa.paura di lasciare per non mettere in difficolta i familiari pero io mi sto perdendo per strada ed ho paura.mi da un consiglio
Grazie 1000
[#10] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
ECCO IL NOCCIOLO DELLA QUESTIONE!

Lei non vuole fare questo lavoro e inconsciamente cerca una scusa che le permetta di cambialo senza essere sgridato dai suoi familiari o senza sentirsi in colpa nei loro riguardi.

Mi fa un po' specie che lei sia seguito da uno psicoterapeuta e che questo non sia ancora venuto fuori... o è venuto fuori e magari lo psicoterapeuta le ha consigliato di cambiare lavoro ma lei non ha il coraggio di farlo e allora cerca da me una spinta?

Chiaramente io non posso darle alcun consiglio tipo "LASCI/NON LASCI IL LAVORO".

Posso solo offrirle degli spunti di riflessione:
- Il lavoro lo ha trovato per caso o è stato un suo familiare che lo ha proposto?
- Il suo stipendio è essenziale per la sua famiglia?
- La sua famiglia è rappresentata da moglie e figli o da genitori ed eventualmente fratelli/sorelle?
- C' è qualcun altro in famiglia che contribuisce col suo stipendio?
- Se lei cambiase lavoro, qualcun altro (chi?) dovrebbe fare grossi sacrifici?

Per il resto, qui siamo al di fuori dalle mie competenze specifiche, e dovrebbe mettere il quesito in area PSI

Però mi ha ricordato una persona reale che ho conosciuto molti anni fa: era un trentenne proveniente da una famiglia facoltosa con genitori molto all' antica; faceva un lavoro molto redditizio, procuratogli dal padre, ma che non gli piaceva; aveva avuto un grande amore con una ragazza che era farmacista ed erede di una grande farmacia nel centro di una città distante un centinaio di chilometri da dove lavorava lui e si erano lasciati perché nessuno dei due "poteva" lasciare il suo lavoro (da quel che ho capito, comunque a lei stava benissimo di occuparsi della farmacia di famiglia); a distanza di 10 anni lui continuava a rimpiangere il suo amore perduto, a lamentarsi del suo lavoro che detestava ma non lasciava perché si guadagnava molto bene e per compensare la sua insoddisfazione compave oggetti e macchine costose.
Io più volte gli ho detto che tutto ciò era assurdo: due innamorati pazzi che si lasciano perché entrambi hanno lavori molto redditizi un due città diverse (lui avrebbe potuto lasciare il suo, ma non gli stava bene avere una moglie che guadagnava più di lui, e -secondo me- aveva paura del giudizio dei genitori; lei avrebbe potuto vendere la farmacia o farsi liquidare la sua parte e comprarne una più piccola dove lavorava lui ma non sarebbe stata la farmacia "di famiglia"); poi uno che per fare un lavoro molto redditizio sacrifica la sua felicità e spende gran parte di quel che guadagna per consolarsi; e quest' uomo che a più di trent' anni non è disposto a cambiare lavoro probabilmente perché sarebbe stato disprezzato o sgridato dal padre ("Ti ho trovato un ottimo posto e tu lo butti via!")

Non so niente della sua situazione economica e familiare, e non sono una psicologa, ma mi pare chiaro che lei ha dei problemi ad accettare la sua situazione. Dovrebbe capire se se la situazione è immodificabile per motivi obiettivi o se lei sia vittima di ricatti morali da parte di qualche familiare.

In ogni caso, dovrebbe cercare (per al sua autostima) di prendere una decisione autonoma, assumendosene le responsabilità, e non di cercare qualcuno che le cavi le castagne dal fuoco. Altrimenti rischia di restare in eterno col dubbio se ha fatto bene o male, qualsiasi cosa decida.
[#11] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno dott.ssa
ho cantato vittoria troppo presto.gia lunedi dopo aver un po trasgredito col mangiare mi sono venutedelle lievi extrasistoli che pero hanno bastato per farmi venire ansia talmente tanta che dopo 40 min di mtb ho dovuto tornare a casa x paura di star male.
Stamane dopo 5 ore di fila lavoro stressante ho prima avuto un po di confusione mentale nel senso senso di sbandamento come teata vuota agitazio e molta ansia mi sono venute un po di extrasistoli addirittura certe le sento talmente bene che penso che mi tolgano a volte il fiato o addirittura che perun millesimo di secondo mi fanno mancare senso di svenimento.
Ho peso lo xanax 0,25
No. So piu che fare in questo momento mi verebbe da andare al ps ma come gia successo dopo sto un po meglio.nel mio continure a pensare di avere qualcosa al cuore.non so
grazie ancora