Utente 389XXX
Buonasera,

sono un grande appassionato di ciclismo che pratico a livello agonistico da circa 2 anni con buoni risultati.
Circa un mese fa, facendo una visita cardiologica di routine e quindi sottoponendomi ad un eco cardiaco mi hanno riscontrato un rigurgito mitrale lieve-medio ed un rigurgito tricuspidale minimo. Nello specifico le conclusioni erano: "Ventricolo sinistro di normali dimensioni, spessori ai limiti alti della norma, conservata la funzione sistolica e diastolica del ventricolo sinistro. Atrio sinistro di normali dimensioni. Rigurgito mitrale lieve-medio e rigurgito tricuspidale minimo. Atrio destro di normali dimensioni;Ventricolo destro di normali dimensioni (altri dati sono:DTDVS 50mm; DTSVS 18mm; SI 11mm; PP 9mm; DiamteroAnteroposterioreAtrioSinistro 36 mm; DiametroRadiceAortica 33mm; DiametroAortaAscendente 31 mm; DiametroArcoAorta 26mm; VTD 135ml; VTS 51 ml; FE 62%; pressione atrio destro 5 mmHg; Tapse 24mm).
Inoltre ECG: ritmo sinusale a 67bpm. Nei limiti la ripolarizzazione ventricolare, diagnosi:buon compenso emodinamico.
(N.B. precedenti esami cardiologici effettuati negli ultimi 5 anni hanno sempre riscontrato un reflusso mitralico di entità lieve-moderato. Inoltre nelle visite effettuate negli ultimi due anni per il rilascio dell'idoneità agonistica, queste si sono concluse con parere positivo).
Pertanto gradirei una opinione in merito, vista la vostra lunga esperienza, circa la possibilità di poter continuare a praticare il ciclismo a livello agonistico ed in caso contrario le linee guida da seguire per continuare a praticare questo sport a seguito di quanto riscontrato.
Nell'attesa di una vostra gentile risposta colgo l'occasione per esprimervi tutta la mia stima e gratitudine per l'ottimo lavoro che fate ed i consigli che fornite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il ciclismo agonistico non fa bene a nessun cuore, e specie ad un cuore che abbia, come ikl suo una insufficienza mitralica lieve-media.
Capisco che per lei sia difficile rinunciare, ma lei ha chiesto un parere ed io le do il mio
Cordialita'
cecchini
[#2] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
Ringraziandola per la celere ed esaustiva risposta, vorrei approfittare della sua cordialità per chiedere se tuttavia possa continuare a praticare tale sport in maniera non competitiva e se il rilievo di rigurgiti valvolari negli atleti possa essere considerato regolare quando tutti gli altri elementi sono considerati nella norma. Infine desidererei conoscere se in tali situazioni siano utili delle cure farmacologiche (vds. betabloccanti o altro).
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
lei può fare una vita normalissima anche andare in bicicletta come
mezzo di trasporto
tenga conto che quando lei fa uno sforzo aumenta la frequenza e le resistenze vascolari periferiche e quindi la insufficienza mitralica
esegua un eco di controllo ogni 6-12 mesi
cordialità
cecchini
[#4] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
Grazie Dr. Cecchini per la sua disponibilità e concludo chiedendole come viene considerata tale insufficienza mitralica dal punto di vista patologico (la differenza fra una insufficienza lieve e moderata è così rilevante?), ovvero ritorno a chiederle se possa essere considerata una caratteristica del tutto naturale atteso la normalità degli altri parametri ed in considerazione del fatto che leggendo altri post analoghi l'insufficienza riscontrata a volte viene ritenuta del tutto regolare.