Utente 828XXX
gentili Dottori
cerchiamo di avere un figlio ormai da due anni e, come ovviamente si deduce, non ci siamo ancora riusciti.
il problema pare sia la motilità degli spermatozoi aggiunto ad un varicocele, ma anche, credo io, dalla poca quantità di sperma prodotto.Lunghe cure a base di carnitina, totale "rimessaggio" della prostata e ancora nulla. Adesso il medico mi consiglia l'intervento chirurgico.
potete darmi un parere sulla questione?
Io ho 42 anni e mia moglie 35. aggiungo che periodicamente faccio uso di aminoacidi ramificati (5 grammi il giorno)per necessità sportive.
Un'altra piccola questione: se mi impongo l'astinenza mi sento fiacco e "rendo" ancora meno rispetto ai periodi di attività giornaliera.

vi ringrazio

saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,personalmente non opero di varicocele un uomo di 42 anni in quanto ritengo che le capacita' di ripresa qualitativa e/o quantitativa della spermatogenesi siano non significative a seguito della correzione del varicocele.Continuerei a privilegiare la tutela della prostata che,come sa,produce il 40% della parte liquida dello sperma,che veicola gli spermtozoi.Infine ricordo che e' il muco cervicale che attiva gli spermatozoi,quindi non sottovaluterei l'eventualita' di ottimizzare il quadro clinico della coppia e considerare anche l'eventualita' di una procreazione medicalmente assistita (PMA).Sull'astenia da "astinenza"non so dare una risposta convincente.Cordialita'.