Utente 828XXX
Ho 59 anni, pratico attivita’ sportiva (corsa, palestra) almeno tre volte la settimana, la mia pressione sanguigna e’ sempre stata intorno a 90-95/140-145, ho poco meno di 60 battiti al minuto.
Nel mese di dicembre ho fatto dei controlli cardiologici (ecocolordopler, ecg sotto sforzo) che non hanno evidenziato nulla.
Il mio lavoro e’ di tipo setendario per 8 ore al giorno (nell’intervallo cammino per circa 45 minuti e vado al lavoro con i mezzi pubblici).

L’altra settimana ho pensato di assumere per la prima volta del Carnitene da 2 gr come coadiuvante per la mia attivita’ sportiva.
La prima e unica fiala (diluita in acqua) l’ho presa sabato scorso dopo colazione verso le sette e mezzo.
Casualmente quel giorno verso le sette avevo misurato la pressione: 95/145.
Mi sono trattenuto in casa a fare lavoretti leggeri (gia’ comincio ad avvertire un certo malessere) poi esco in macchina con mia moglie a fare spese.
Verso mezzogiorno il malessere (senso di costrizione al braccio, torace, spalle) aumenta; capisco che si tratta di pressione e torno a casa a misurarla: rilevo circa 110/190.
Mi metto a riposo con la pressione che si stabilizza a 95/160.
La domenica mattina la pressione e’ sempre 95/160 mentre la sera scende a 95/145.
Il lunedi faccio un elettrocardiogramma che non rivela nulla di anormale.

Ho ricominciato a fare la mia vita normale e l’attivita’ sportiva pero’ i valori di pressione ad oggi sono ancora alterati (al mattino rilevo circa 10-15 unita’ in piu’ del solito mentre alla sera sono abbastanza normali – anzi dopo la sera verso le 23.30 prima di andare a dormire ho rilevato 70/110-120.
La mia domanda e’ questa:
come puo’ avere influito il Carnitene sulla mia pressione e cosa posso fare per risolvere il problema?
Grazie e saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Tra gli effetti collaterali della L-carnitina non credo sia stato mai riportato aumento dei valori pressori. Probabilmente Lei è un soggetto candidato all'ipertensione arteriosa (c'è per caso familiarità per tale patologia?) e l'attività fisica che pratica è certmente un'ottima iniziativa. Per il momento Le consiglio una dieta iposodica (povera di sale) e frequenti controlli della PA. Sarà poi il Suo curante a consigliarLe per il meglio.
P.S. L'utilizzo di carnitina come "coadiuvante" per l'attività sportiva conobbe un certo successo negli anni a cavallo del 1982 (Mondiali di calcio...) ma in seguito non è stato mai dimostrato con studi scientifici che vi sia un effettivo beneficio per gli atleti che la utilizzavano.
Cordiali saluti