Utente 354XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 31 anni.
Da circa una settimana o poco più sento dei dolori fra la schiena e la scapola, dalla parte sinistra, dolori come se mi sentissi tirare, e in più ho giramenti di testa, alle volte lievi, altre no, specialmente se mi abbasso per allacciarmi le scarpe. Ho sentito anche delle pressioni alla testa e sento il respiro corto che si ferma appena sotto la bocca dello stomaco, alle volte proprio sulla stessa. Ora in questo momento il dolore è proprio sulla spalla sinistra, fra l'osso ed il collo. Preoccupato anche per delle pressioni al petto e tachicardia, giorni fa, neppure una settimana fa ho fatto una visita cardiologica in un ospedale romano specializzato in cardiologia con Holter 24 h, e per fortuna non ho nulla mi hanno detto. Non pago, vista la mia ipocondria, ho fatto a pagamento una TAC Cranio per vedere se potevo avere un qualcosa (aneurisma, tumore) ma non ho , ringraziando Dio, niente. Ieri sera ho sentito verso il petto una scossa, come quando si prende la scossa toccando un maglione. L'ho sentita proprio sopra un brufolo che ho sul petto.
Il neurologo ieri mi ha detto che le scosse che sentiamo sono di carattere strettamente cutaneo e di non preoccuparmi. Inoltre sento un nodo in gola e difficoltà a deglutire. Ansia?
Descrivo per un momento le mie abitudini: tipo sedentario, spesso innanzi al computer (la mia postura davanti allo stesso è: gomito sinistro poggiato sulla scrivania, piegato a sinistra), soffro di colon irritabile. A tavola la mia postura è: poggiato con i gomiti, spalle curve.
Pensate possa essere tutto un problema di postura? o qualcosa di grave? anche se gli esami sono negativi.
Attendo vostre cortesi risposte, grazie mille,
buona giornata
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Troppo vaghi ed aspecifici i disturbi che descrive per poter apportare il contributo che si aspetta (tra l'altro vietatissimo) ed in cui comunque si evince un livello elevato di ansia.

Se posso essere utile e se fosse un mio familiare (ho un figlio della sua età ) le consiglierei

a) un inquadramento di base con il curante per fare il punto su una eventuale, e solo se occorre, strategia di approfondimento.
Ad esempio da quanto scrive con visita ORTOPEDICA..

b) Staccherei IMMEDIATAMENTE dalla ricerca di informazioni sulla rete sulla salute per non incrementare ulteriormente il suo già labile livello di ansia.

Legga perchè in alcuni consulti (anche se richiesti per altre ragioni)


http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html

http://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni

Tanti saluti