Utente 571XXX
Salve,
nel ringraziare anticipatamente i medici che vorranno rispondermi, premetto che ho un carcinoma mammario (operato) con metastasi epatiche e cerebrali. Ho effettuato dieci sedute di radioterapie al cranio e, fortunatamente, i disturbi visivi (molto intensi) sono nettamente migliorati, così come il dolore alla testa. Sto nel frattempo seguendo dei cicli di herceptin e vinolerbina. Da una risonanza effettuata da poco le metastasi cerebrali risultano necrotiche. Ora mi domando se devo attendere ancora per ottenere il completo rientro del disturbo visivo (ho terminato la radio a metà luglio) oppure la situazione rimarrà inalterata così come è adesso. Le cellule necrotiche immagino non possano più ritornare "vive" e... se fossero cellule necessarie le avrei perse per sempre? Probabilmente le mie sembrano domande che portano al sorriso ma, siccome prima di fare la radioterapia cerebrale sono stata male al punto che non riuscivo a parlare correttamente e a vedere in modo normale e, inoltre, ho avuto crisi epilettiche molto forti, la cosa mi preoccupa particolarmente. Un'ultima domanda: la terapia chemioterapica che sto facendo ha effetti anche sul fegato e sul cranio?
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Lombardi
24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Cara Signora,

probabilmente la radioterapia ha avuto il suo effetto nel ridurre la massa cerebrale che le faceva avere disturbi del parlare, del vedere e crisi epilettiche. Le cellule necrotiche sono quelle tumorali, il che significa che la RM ha evidenziato che gran parte della lesione tumorale cerebrale è morta dopo la RT. Il disturbo visivo che lei ha può diminuire col tempo ma potrebbe anche stabilizzarsi o peggiorare. la chemioterapia che sta facendo può senz'altro contribuire a migliorare le sue lesioni epatiche e in piccola parte anche quelle cerebrali. Tanti saluti
[#2] dopo  
Utente 571XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dr. Lombardi, la ringrazio infinitamente per il riscontro. A volte il malato si trova in difficoltà con il proprio medico a fare domande che sembrano futili o dalla risposta scontata. E' bello però trovare qualcuno che illumina i propri dubbi. Grazie ancora e buona serata.