Utente 108XXX
Gentilissimi dottori,

Vi scrivo per avere un vostro parere sui sintomi che seguono, e per stare magari più tranquillo.

Ieri sera, verso le ore 18, sono comparsi improvvisi dolori diffusi per tutto l'addome. Sembravano come dei crampi, piuttosto intensi (non trovavo una posizione che li attenuasse). Il dolore é proseguito altalenante, per cena pasta in bianco e poi a letto. Sono andato in bagno regolarmente, feci normali. Febbre 37,3 ascellare.

Questa notte il dolore é aumentato irradiandosi ai reni e alla tipica area dell'appendice. Nel lato sx dell'addome andava un po' meglio. La notte l'ho passata nel dormiveglia, con qualche ora di sonno. Ho emesso molto gas e tutt'ora l'emissione é frequente.

Dal mattino i dolori si sono affievoliti molto. É rimasto il male alla pressione nella fossa dx e la febbre a 37,5. Via rettale febbre 37,8.

Sono a digiuno e sto bevendo solo acqua.
Il medico di base mi ha visitato abbastanza velocemente, purtroppo, palpandomi l'addome e auscultandomi i polmoni. Mi ha suggerito PS in caso di aumento dei dolpri e tachipirina per la febbre.

Posso sospettare appendicite acuta o visto il calmarsi dei dolori l'evento infiammatorio si sta cronicizzando? Cosa posso fare? Sono molto in ansia, e l'operazione di appendicectomia é il mio spauracchio. Devo rimanere a digiuno?

Grazie mille per il tempo dedicatomi.
Buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Per adesso non penserei all'appendicite. Ovviamente bisogna valutare, come ha detto il suo medico, il decorso della sintomatologia. Una dieta leggera/liquida sarebbe opportuna.


Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Dr. Cosentino,
Per prima cosa grazie per la risposta.

Al momento la febbre persiste a 37,5 ascellare e il dolore localizzato a destra é presente solo su sollecitazione (piegamento della gamba, pressione della mano sul punto).
A tutto addome invece rimane un costante indolenzimento, fastidio abbastanza sopportabile.

Proseguo quindi monitorando il decorso o vado in pronto soccorso per una ecografia? Non rischio complicanze attendendo?

Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Direi di attendere, sempre con i limiti del consulto a distanza.


[#4] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Stasera, anche se il malessere addominale non mi ha lasciato molto appetito, mi sono sforzato di mangiare un piatto di pastina. Ora ho l'impressione di avere qualche problema di stomaco in più, mentre l'addome é rimasto dolente.
Sono molto teso per questa situazione, per quanto eviti di pensarci, a preoccuparmi rimane l'appendicite.

É possibile che si tratti di un'infiammazione dell'appendicite non acuta e quindi trattabile con antibiotici? Perché non é la prima volta che accuso dolori similari, anche se in questo caso sono più localizzati su di essa.

Questa sera la febbre é scesa a 36,6
Buon lavoro



[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
É poco credibile l'appendicite subacuta o cronica.


[#6] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo dott. Cosentino,
La disturbo a distanza di alcuni mesi perché si é ripresentato lo stesso problema addominale di questa estate e di cui abbiamo parlato qui sopra

Ho iniziato a sentire disturbi generici addominali ieri verso le 22, sono andato in bagno (feci molli/morbide) e da quel momento é stato un crescendo di dolore diffuso all'addome fino a sotto lo stomaco, difficile da alleviare. Alla palpazione l'addome era ed é morbido, ma il quadrante destro fa molto male se lo shiaccio o se muovo la gamba.

La notte l'ho passata quasi completamente insonne.
Non ho mai avuto febbre o vomito, solo ripetuti episodi di gas e sensazione di dover eruttare "liquido" che si bloccava alla bocca dello stomaco.

É possibile si tratti di un virus e non di appendicite infiammata?
Le confesso che sono molto preoccupato all'idea di un intervento di appendicectomia.

Grazie e buon lavoro


[#7] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Purtroppo é una situazione che deve essere gestita solo con visita diretta. Via web non é possibile dare suggerimenti sul dolore addominale così aspecifico. Solo la palpazione addominale da parte di un medico può chiarire.


Auguroni.


[#8] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Sono stato dal mio medico di base, e la situazione al momento é la seguente: potrebbe esserci il sospetto di infiammazione dell'appendice, che devo monitorare. Se il dolore peggiora, compare febbre, devo andare al pronto soccorso.

Al momento a riposo non ho dolori particolari, solo bocca asciutta, indolenzimento addominale. Se mi muovo o se premo l'addome a destra, allora il dolore ricompare come fitta, e poi scompare subito.

Spero che questo temporeggiare non peggiori le cose. Ma il fatto che stamattina vada meglio di stanotte, non dovrebbe significare che qualsiasi cosa sia, sia in recessione?

Grazie e auguri anche a lei!

[#9] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Certamente. É un buon segno....
[#10] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo dott. Cosentino,
Per prima cosa buon anno!

Per chiudere la questione, la informo che il problema sta scemando giorno dopo giorno (rimane ancora indolenzimento al tatto in zona appendice).

Oggi mi sbilancerò con una pasta al ragù, sperando di non ricadere nel problema troppo presto.

Le chiedo una cortesia: considerando che questo episodio di crisi mi capita ogni tot mesi (apparentemente in periodi in cui si mangia di più e male) cosa mi consiglia di fare?

C'é prevenzione? O un esame apposito per verificare lo stato della mia appendice e regolarmi di conseguenza? Per scongiurare il problema in futuro o almeno per essere preparato.

Grazie mille e buon lavoro.
[#11] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'ecografia é l'esame più semplice ed attendibile per valutare lo stato dell'appendice. Non c'è prevenzione ma nel suo caso controllerei solo l'alimentazione.

Auguroni.