Utente 389XXX
salve,sono una ragazza di 30 anni che l'anno scorso ha avuto una dermatite da allergia..o almeno così mi disse il medico..mi fece fare il patch test e risultò che ero allergica a pelle,cuoio,olio per le macchine e colla..ero un pò scettica perchè erano tutte cose che non usavo sul viso.lui mi disse che era probabile che con le mani mi fossi strofinata il viso.mi fece prendere l'antibiotico una decina di giorni e mi diede la crema avene per pelli intolleranti da mettere nelle zone del viso dove ero stata colpita,quindi labbro superiore e fronte.poi mi passò e non ebbi più problemi fino ad aprile di quest'anno quando mi ritornò la dermatite sopra il labbro e sulle guance..quindi ritornai dal mio medico di base e mi fece rifare l'antibiotico e io misi ancora la crema avene che avevo dall'anno scorso solo che questa dermatite durò un pò più a lungo. dopo un mesetto che non avevo notato più niente, ho visto che la pelle della fronte tendeva ogni tanto ad avere delle macchie rossastre con conseguente crosticina bianca e anche sul cuoio capelluto si estendevano queste croste soprattutto ai bordi..quindi ho subito pensato fosse una dermatite seborroica..anche perchè la pelle,sia della fronte e sia delle guance tende a produrre tanto sebo...ho preso la crema aluseb e l'ho usata per diversi giorni e ora la fronte è migliorata parecchio.e per i capelli uso il nizoral consigliatomi dalla farmacista. ho notato però dei rossori con brufoli anche sulle guance...come se ci fossero cicatrici dei brufoli...volevo sapere se si potrebbe trattare di dermatite seborroica anche sulle guance oppure può essere qualcos'altro.. e se posso mettere aluseb anche nelle zone dove vedo queste macchie/cicatrici oppure devo prendere una crema diversa..volevo anche dire che la pelle tendere ad essere ruvida sulle guance..grazie in anticipo per la risposta

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
Nel suo iter diagnostico e terapeutico si nota la chiara mancanza della visita dermatologica , che avrebbe potuto chiarificare da subito la diagnosi .Inoltre la terapia atb per una dermatite da contatto allergica non ha un conforto di un razionale. La successiva applicazione di sostanze , anche farmacologiche, su base di diagnosi effettuate da figure neppure mediche(farmacista) è pratica non corretta e fonte di mascheramento di quadri clinici e foriero di ulteriori possibili sensibilizzazioni.
Temo che per far luce sia a questo punto indifferibile la visita specialistica dermatologica.
Cordialmente